domenica 29 novembre 2020

RICORDARE E DESIDERARE

I due più forti motori dell’animo umano, che poco alla vota involvono nel nulla cui tende la società contemporanea.

RICORDARE E DESIDERARE

Assunto che nel parlare di UOMO nel senso di umanità, me ne infischio delle differenze di genere, che in questo caso sono una forzatura assurda, apparentata con il fatto che i termini madre e padre siano scomparsi dai documenti per l’iscrizione a scuola dei miei figli, sostituiti dal politicamente corretto, genitore uno e genitore due, vediamo di parlare di due delle forze più potenti che l’animo umano possiede, ovvero il desiderio ed il ricordo.

IL DE SIDERIO

Il desiderio, che nella sua etimologia è la somma dei termini latini de e siderio, significa letteralmente: dalle stelle, è il principale motore dell’evoluzione umana poiché produce una tensione continua verso il migliorare le condizioni di vita di ogni singolo individuo.

IL RI CORDO

Il Ricordo, che nella sua etimologia ha il termine latino CORDA, ovvero cuore, significa consegnare al cuore, ed è anche esso un motore potente dell’evoluzione umana, poiché consente un confronto tra l’oggi ed il ieri.

Desiderare un ricordo, in termini un po’ troppo facili, dignifica dare spazio alla nostalgia.

Ma prima di arrivare a tanto occorre prendere in considerazione il fatto che nell’epoca del tutto e subito non si è più capaci di desiderare.

IL CENSIS

Anche nelle fotografie della società italiana fatte dal CENSIS, viene messo a fuoco il fatto che non siamo più capaci di desiderare, che quando guardiamo le stelle cadenti venir giù dal Perseo, non abbiamo più niente da chiedere al cielo.

Ma desiderare è molto più appagante dell’avere.

Dovrebbero ricordarsene i genitori o i maestri: insegnare ai bambini a desiderare, a non pretendere di consumare un desiderio prima ancora che si formi compiutamente, significa renderli più felici, appagati, oltre che dar loro uno strumento per vivere meglio.

LA TENSIONE VERSO LA PERFEZIONE

Esiste un meccanismo per il quale ogni nostro desiderio, quando si concretizza, perde forza, ed è sostituito da un desiderio più grande.

Così, poiché il nostro desiderare ha come fine ultimo la verità, questa diventa irraggiungibile.

Il desiderio è tensione continua verso la perfezione, e per questo ha in se qualcosa di trascendente, mistico, persino divino.

Spegnere il desiderio significa togliere all’uomo quella tensione rendendolo di fatto infelice e, per certi versi, manipolabile.

IL PAIO DI JEANS

Tempo fa ho letto su un testo di marketing, che la sovrabbondanza di offerta, rende nei fatti il consumatore non soddisfatto. Se entrando in un negozio ci ritroviamo a dover scegliere tra una trentina di modelli differenti di jeans, qualunque sarà la scelta che faremo, saremo sempre nel dubbio che una scelta diversa sarebbe stata migliore, e quindi il possedere finalmente un paio di jeans nuovi, non ci renderà per nulla felici.

Io normalmente risolvo il problema affidando la scelta ad un altro, di solito un commesso bene informato sulle caratteristiche dei jeans, ed in grado di scegliere per me.

Ma non funziona sempre, soprattutto perché i commessi sono sempre di meno, sempre meno informati e con poco tempo a disposizione, così, anche l’affidare la scelta a qualcun altro porta seco il dubbio che lui fosse realmente la persona giusta per scegliere.

Tempo fa affidavo la scelta a mia madre, senza rendermi conto di caricarla di un peso assurdo, poiché, oltra all’onere della scelta, si ritrovava il peso del mio giudizio sulla sua scelta, ed io finivo spesso con il non sentirmi a posto negli abiti che indossavo.

Insomma, qualunque cosa si faccia, si finisce per creare un corto circuito che ci rende infelici, e stiamo parlando di un paio di jeans, figuriamoci quando le scelte sono su questioni ben più importanti che riguardano la nostra vita.

TORNARE INDIETRO

E qui subentra il ricordo di quando entravi in un negozio e ti ritrovavi a dover scegliere tra due o tre modelli soltanto. Il problema della scelta era facile da risolvere, se era estate li prendevi chiari, se era inverno scuri, sempre tassativamente blu e senza menate sul colore dei bottoni, sulla cerniera e sull’elasticità del tessuto. Prendevi quelli anche se non avevano i bottoni del colore che volevi.

Ma come spesso accade, la soluzione di un problema ne ha generato un altro ancora più grosso.

Fa parte della tensione che il desiderare porta seco inevitabilmente, il che significa che tornare indietro sarebbe impossibile senza creare ulteriore infelicità.

AMARCORD

Am arcord, mi ricordo in dialetto riminese, significa ricordare un desiderio, tornare indietro nel tempo con la mente, e ritrovarsi a sentire quella tensione che ci ha spinti verso questa situazione, nella quale abbiamo nuovi desideri, più alti e più costosi, come potrebbe essere un personal shopper, che conosca i nostri gusti, e faccia le veci di mia madre o del commesso, senza che alla fine ci si senta dentro i panni di qualcun altro.

Ma è veramente così? È tassativo che indietro non si possa tornare?

LA VETTA ED IL MIASMA

Il Ricordo, quando esiste, consente di capire quanto di buono o di cattivo, persino di malvagio, ci sia in ciò che abbiamo conquistato. Non sempre la vista che si gode da una vetta è degna della fatica che s’è fatta per raggiungerla.

Così, se l’occhio di posa su una miasmatica discarica di rifiuti tossici, forse, più che il desiderare uno schermo che la nasconda, ci viene da desiderare di scendere da quella montagna, e provare un’altra strada, un’altra vetta.

In altre parole, desiderio e ricordo, consentono di ponderare le scelte, e di capire se le strade dell’appagamento dei desideri sono capaci realmente di condurci verso una maggiore felicità.

IL NICHILISMO

Quel che credo è che l’avvento del NICHILISMO come formula risolutiva del problema della verità, sia sbagliato perché annulla la nostra umanità, e che si possa, anzi si debba, tornare indietro e provare un’altra strada.

Fateci caso ma il marketing moderno crea bisogni, desideri fatui, per annullarli subito dopo e sostituirli con altri, si è ancorato alla nostra naturale tensione a migliorarci, per farci consumare cose che poi finiscono in discarica.

Quei jeans che ho comprato oggi, con tutti i problemi che mi hanno creato, hanno una data di scadenza, entro sei mesi saranno da buttare via.

Diventeranno NIENTE, e così com’è per i jeans, vale anche per le persone, con i camposanti destinati a diventare discariche di rifiuti.

E Bon!


Visualizzazioni: 174
Altre Pagine sull'argomento
    AMOR VINCIT OMNIA
    Siamo entrati nella settimana santa, ovvero nel periodi più sacro dell’anno secondo la religione Cristiana
    Siamo entrati nella settimana santa, ovvero nel periodi più sacro dell’anno secondo la religione Cristiana. Ma non ci saranno messe pasquali, e neppure tutte le altre celebrazioni che i cristiani f...
    Pubblicata il:07/04/2020
    Disturbo Narcisistico di Personalità
    Bon Ton e Politicamente Corretto ammantano anche il Narcisismo
    Il disturbo narcisistico di personalità è una delle malattie che stanno devastando l’uomo contemporaneo. I danni che produce non sono tanto a se stessi quanto agli altri. Un narcisista non ha Nemes...
    Pubblicata il:04/09/2020
    Facciamo Finta che
    Riflessioni di un principe demoralizzato
    Mauro Biglino è un filologo esperto in antiche lingue semitiche che ha, a più riprese, tradotto la Bibbia. Lui fa conferenze dicendo ogni volta: FACCIAMO FINTA CHE, la Bibbia non parli di dio, ma d...
    Pubblicata il:23/10/2019
    IL MILLENIUM BUG
    tra nichilismo e realismo terminale profetizzare l’uomo che verrà
    Forse qualcuno ricorda i tempi nei quali si è scollinato il millennio. Si parlava di millenniun bug e ci si aspettava che il crinale del millennio producesse catastrofi nei sistemi elettronici, con...
    Pubblicata il:16/06/2020
    Il Tritacarne del NARCISISMO
    Narcisismo e Libertà
    Quando ti capita di imbatterti nel tritacarne del narcisismo, non puoi fare altro che subirlo. Nemesi giunge sempre, ma si preoccuperà di quel che hai subito tra tanto tempo.
    Pubblicata il:21/08/2020
    La Distanza dalle Stelle
    ovvero il mio approdo al Realismo Terminale
    Poco per volta sto entrando nel REALISMO TERMINALE, ovvero quella corrente letteraria ed artistica, che vede Guido Oldani mossiere e protagonista, e che assegna agli oggetti il primato sulla cose n...
    Pubblicata il:18/04/2020
    La Tecnica
    la tecnica come filosofia e concetto antropologico è ciò che annulla l'uomo, relegandolo a mero funzionario di un apparato
    Vediamo di ragionare assieme su quello che è l’elemento chiave di tutto ciò che sta scucendo alla società civile, in Italia come nel resto dell’occidente, da un po’ di tempo a sta parte, ovvero l’a...
    Pubblicata il:25/01/2020
    MENDICANDO LA GRAZIA DI SAPER AMARE
    Della differenza tra amare e voler bene e del Piccolo Principe
    Se vuoi davvero farti del bene, interrogati non sul passato o sul futuro, ma esplora il tuo presente.
    Pubblicata il:22/09/2020
    MICROCHIP E LIBERTA'
    il fantasma che incombe su tutti noi
    Indubbiamente quando e se sarà impiantato su ognuno di noi, segnerà il passaggio ad un altro tipo di società umana, nella quale verrà tracciata ogni nostra azione, ogni nostra frequentazione, ogni ...
    Pubblicata il:18/06/2020
    NOSTALGIA E DESIDERIO
    l’abbraccio impossibile della Venere di Milo
    L’etimologia della parola nostalgia è greca, e mette assieme i termini: Nostos (ritorno) e algos (dolore). Si tratta quindi, da un punto di vista etimologico, di ricordo che causa dolore.
    Pubblicata il:10/10/2020
    OLIMPIA
    Le colonne sono sbarre fossili Come le conchiglie impastate dentro
    Quel che più colpisce della moderna Olimpia, è il budello commerciale, nel quale le bandiere dei diversi paesi del mondo sono esposte, attaccate ai lampioni della via, ed i negozi vendono souvenir ...
    Pubblicata il:25/09/2020
    Realismo Terminale
    Le parole sono armi bianche, i versi del poeta, siccome arrivano al cuore bypassando a piè pari la razionalità, sono capaci di bucare le menti come proiettili di uranio impoverito, che sfondano la ...
    Pubblicata il:01/06/2020
    RICORDANDO PAOLA
    Come l’amore può essere, come può durare fino alla fine?
    Paola se né andata qualche hanno fa. È scivolata via senza far botti a 54 anni, si è spenta lasciandolo solo.
    Pubblicata il:24/09/2020
    Santippe: tanto tuonò che piovve
    Ovvero la ex moglie di Socrate secondo i canoni contemporanei
    Oggi ho provato a cercare Santippe su Google, ritrovandomi a sgranare gli occhi nel vedere menzionato Socrate come suo ex marito.
    Pubblicata il:13/07/2020
    Sintomi ed effetti del Narcisismo
    Qualche considerazione ignorante su uno dei drammi della contemporaneità
    AUTODIAGNOSI DEL NARCISISMO: Ancorché estremamente improbabile, non è impossibile che un narcisista riconosca da solo di essere affetto dalla sindrome da disturbo narcisistico di personalità
    Pubblicata il:16/09/2020
    Tania di Malta da Lampedusa
    Ho conosciuto Talia, che l'error flagella e ride
    Quel che rimane da un anno molto amaro per più versi, è la scoperta di una amicizia nuova e splendente come quella che può nascere tra due poeti.
    Pubblicata il:01/09/2020
    Un selfie con il vescovo Gianni Ambrosio
    Farsi un selfie con qualcuno significa strappargli un pezzettino d’anima senza ferirlo
    Secondo una visione che molti anni fa avevano gli aborigeni australiani, una fotografia ruba l’anima, e questa cosa mi ha sempre fatto pensare non già alla infantile visione del rapporto con il mon...
    Pubblicata il:15/09/2020
    Via del Campo
    Camminare per i vicoli di Genova e provare a mettere il piede dove lo ha messo Faber
    Sono stato a visitare Via del Campo, e lo ho fatto soprattutto per farmi un selfie davanti alla targa che ricorda Faber: Fabrizio de Andrè.
    Pubblicata il:03/11/2020
    Youssouph Cheikh Sylla
    L’attaccante di riserva del Piacenza
    Ovvero un attaccante che, non si sa come, dal Senegal è finito nella Vigor Carpaneto prima e poi al Piacenza. Età 21 anni, 88 kg per 1,96 di altezza. Quando è in campo si vede, un po’ perché ha la ...
    Pubblicata il:29/11/2019
© Tutti i diritti sono riservati
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
- A +