giovedì 1 ottobre 2020

MICROCHIP E LIBERTA'

il fantasma che incombe su tutti noi

MICROCHIP E LIBERTA'

Il microchip è diventato un fantasma, per molti, da sbandierare parlando di prossimo futuro.

Indubbiamente quando e se sarà impiantato su ognuno di noi, segnerà il passaggio ad un altro tipo di società umana, nella quale verrà tracciata ogni nostra azione, ogni nostra frequentazione, ogni nostro acquisto, riuscendo financo a leggere, grazie a complicati algoritmi di intelligenza artificiale, i nostri pensieri.

Sarà per la nostra sicurezza, e la maggior parte degli uomini se lo faranno impiantare offrendosi volontari, ben felici di assecondare una iniziativa che sarà venduta come capace di liberarci da terroristi, virus, e persino da lestofanti e mariuoli, ladri di biciclette e persone cattive.

Non è difficile pensare ad un sistema che all’inizio ci semplificherà la vita quotidiana, ci permetterà di pagare alla cassa dei supermercati passando un dito su un sensore, ci consentirà di leggere su mappe interattive quanta coda ci sia alla posta e di sapere con certezza se in libreria ci sia quel libro sulla felicità che vorremmo regalare.

Poco alla volta diventerà obbligatorio per prendere un autobus o il metrò, a nel breve giro di pochi anni diventerà un elemento necessario per vivere nel nuovo mondo artificiale, nelle città in cui si accatastano le persone, dentro alveari di cemento sempre meno a misura d’uomo.

Ed allora il Grande Fratello, che questa volta non sarà una trasmissione televisiva, ma ciò che Orwell aveva preconizzato, sarà in grado di conoscere tutto di noi, e di poterci eventualmente discriminare se finissimo con il fare qualche cosa di pericoloso per l’ordine costituito.

Non sarà più possibile rovesciare i regimi, e non già in modo violento con rivoluzioni, ma anche in modo democratico con il voto. Verranno tacitate tutte le voci critiche e gli esseri umani verranno classificati anche in base ad un indice di pericolosità, determinato da algoritmi di analisi del nostro comportamento in grado di scoprire ogni nostra attitudine.

In somma, nel nome della sicurezza, e della libertà di sentirci tranquilli, ci verrà tolta la libertà di agire e di pensare.

Potrete ora dirmi che è fantascienza o fantastoria, ed uno scenario del genere non si verificherà mai, ma se togliete le fette di prosciutto che avete sugli occhi, vi renderete conto che non c’è bisogno del microchip per tracciare la nostra vita.

Credete davvero che Google e Facebook non sappiano con chi avete pranzato sabato scorso, o chi avete chiamato al telefono.

Già il caso Snowden e lo scandalo Wikileaks, dimostrano senza alcun residuale dubbio, che tutti i dati raccolti su di noi da google e facebook finiscano nella grande pancia di quel leviatano chiamato pentagono, e di come questi dati vengano poi utilizzati per scatenare primavere arcobaleno un po’ dappertutto.

Siamo già microchippati e lo siamo diventati volontariamente, talvolta senza nemmeno accorgercene.

La pandemia, con tutta la sua drammaticità, è stato l’elemento in più che ha ammorbidito anche le posizioni più critiche.

Scivolare nel nichilismo non è affatto scontato, Galimberti parla di Nichilismo attivo quando si tratta di narrare il modo con il quale una sparuta minoranza di giovani stia cercando di non rinunciare ai sogni sul proprio futuro in un mondo senza uno scopo e senza un perché.

Ma già il fatto di non usare le parole giuste, per un filosofo come lui, che di parole se ne intende, è preoccupante, perché sarebbe giusto classificare questa tensione come resistenza al nichilismo e non come una forma distopica di accettazione.

Il fatto stesso di sognare un futuro nega l’assenza di uno scopo e di un perché.

Diciamo pure che anche a livello di divulgazione del pensiero filosofico, l’ormai consolidata macchina da guerra di chi ha interesse all’avvento del nichilismo, sta muovendosi in modo estremamente attento, sapendo quali cartucce sparare, e come spararle.

La nostra razionalità è ormai talmente intrisa del pensiero unico che tende al nichilismo, da non poter più accettare qualunque barlume di verità alternativa, ma il nostro cuore no.

Le contraddizioni logiche nel pensiero che conduce al nulla, sono così tante da lasciare attoniti se per caso le si vuole riconoscere.

L’assenza di quella scintilla che ci rende capaci di amare e di farci amare, non potrà mai venir spenta del tutto, e non ci sarà microchip capace di impedire all’uomo di vivere in relazione affettiva con gli altri.

Sol chi non lascia eredità d’affetti poca gioia ha dell’urna, diceva il Foscolo nei Sepolcri, e l’uomo muore, dice Levi Srauss, quando smette di essere in relazione con gli altri.


Visualizzazioni: 119
Altre Pagine sull'argomento
    IL MILLENIUM BUG
    tra nichilismo e realismo terminale profetizzare l’uomo che verrà
    Forse qualcuno ricorda i tempi nei quali si è scollinato il millennio. Si parlava di millenniun bug e ci si aspettava che il crinale del millennio producesse catastrofi nei sistemi elettronici, con...
    Pubblicata il:16/06/2020
    Il Tritacarne del NARCISISMO
    Narcisismo e Libertà
    Quando ti capita di imbatterti nel tritacarne del narcisismo, non puoi fare altro che subirlo. Nemesi giunge sempre, ma si preoccuperà di quel che hai subito tra tanto tempo.
    Pubblicata il:21/08/2020
    La task force governativa anti fake news, in neo lingua significa la fine della libertà
    Equivale ad istituire il ministero della verità e ad abolire la libertà di pensiero e di espressione
    In questi giorni ho riletto 1984 di GEOGE ORWELL. Le somiglianze con il tempo presente sono tante e sono inquietanti. Sono nel nostro modo di intendere politica e potere, sono nel nostro modi di pe...
    Pubblicata il:06/04/2020
    Qualche riflessione sulla epidemia di Corona Virus a Piacenza
    La Domenica delle Salme
    In emergenza capita che i numeri vengano rilevati in modo errato, come è successo in questo periodo. I tamponi per verificare la positività delle persone sono stati fatti un tanto al chilo, ed anch...
    Pubblicata il:06/04/2020
    RICORDARE E DESIDERARE
    I due più forti motori dell’animo umano, che poco alla vota involvono nel nulla cui tende la società contemporanea.
    Il desiderio, che nella sua etimologia è la somma dei termini latini de e siderio, significa letteralmente: dalle stelle, è il principale motore dell’evoluzione umana poiché produce una tensione co...
    Pubblicata il:16/07/2020
    Santippe: tanto tuonò che piovve
    Ovvero la ex moglie di Socrate secondo i canoni contemporanei
    Oggi ho provato a cercare Santippe su Google, ritrovandomi a sgranare gli occhi nel vedere menzionato Socrate come suo ex marito.
    Pubblicata il:13/07/2020
    Un selfie con il vescovo Gianni Ambrosio
    Farsi un selfie con qualcuno significa strappargli un pezzettino d’anima senza ferirlo
    Secondo una visione che molti anni fa avevano gli aborigeni australiani, una fotografia ruba l’anima, e questa cosa mi ha sempre fatto pensare non già alla infantile visione del rapporto con il mon...
    Pubblicata il:15/09/2020
    Un Selfie con la Mascherina
    Così la smetteranno di guardarmi in cagnesco
    Finalmente ho trovato una mascherina in farmacia. Finalmente posso farmi un selfie con la faccia paludata, cosa che sinceramente mi mancava.
    Pubblicata il:06/04/2020
© Tutti i diritti sono riservati
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
- A +