domenica 29 novembre 2020

OLIMPIA

Le colonne sono sbarre fossili Come le conchiglie impastate dentro

OLIMPIA

Quel che più colpisce della moderna Olimpia, è il budello commerciale, nel quale le bandiere dei diversi paesi del mondo sono esposte, attaccate ai lampioni della via, ed i negozi vendono souvenir per turisti.

Non rimane proprio nulla della grandezza del tempo remoto, ed anche lo sfruttamento commerciale del brand OLYMPIA, che suo malgrado, è uno dei più conosciuti al mondo, è ad un livello talmente basso da proporre paccottiglia, per lo più fatta in Cina o in Corea, e ristoranti mondializzati, con menù che non hanno nulla a che fare con la Grecia, a turisti frettolosi ed ignari del fatto che il suolo che calpestano abbia un’anima.

Rimangono le rovine dell’area in cui si disputavano i giochi, i templi e lo stadio, che sono ancora capaci di suggestioni immense, e tra le quali è bellissimo muoversi.

La grande statua Crisoelefantina che c’era nel tempio di Zeus, e che era una delle sette meraviglie del mondo, è andata distrutta, dopo essere, pare, comprata da un collezionista di Costantinopoli.

La svendita del significato stesso dei Giochi Olimpici è iniziato tanto tempo fa, ed oggi, nell’era delle dirette televisive e delle sponsorizzazioni, è dominata dai grandi Brand internazionali, dalla Coca cola alla Nike, che adesso si pronuncia Naik, all’americana.

E bon!

OLIMPIA

Un tempo governava i giochi e Olimpia
L’avatar di Zeus severo e impotente
Sull’alto trono d’ebano e d’avorio

Mentre la Nike crisoelefantina
Camminava sul palmo della mano
Una pista d'un campo di aviazione.

Giupiter in galera nel suo tempio
Le colonne sono sbarre fossili
Come le conchiglie impastate dentro

Non sorride ma guarda spaventato
I grandi brand che lo hanno giubilato
E con l'oro e l'argento son mossieri
Dei giochi a cinque cerchi al tempo mio

 (La distanza dalle stelle, 23.9.2020, grazie a Emanuela Oldani)


Visualizzazioni: 77
Altre Pagine sull'argomento
    La Distanza dalle Stelle
    ovvero il mio approdo al Realismo Terminale
    Poco per volta sto entrando nel REALISMO TERMINALE, ovvero quella corrente letteraria ed artistica, che vede Guido Oldani mossiere e protagonista, e che assegna agli oggetti il primato sulla cose n...
    Pubblicata il:18/04/2020
    MENDICANDO LA GRAZIA DI SAPER AMARE
    Della differenza tra amare e voler bene e del Piccolo Principe
    Se vuoi davvero farti del bene, interrogati non sul passato o sul futuro, ma esplora il tuo presente.
    Pubblicata il:22/09/2020
    Realismo Terminale
    Le parole sono armi bianche, i versi del poeta, siccome arrivano al cuore bypassando a piè pari la razionalità, sono capaci di bucare le menti come proiettili di uranio impoverito, che sfondano la ...
    Pubblicata il:01/06/2020
    RICORDARE E DESIDERARE
    I due più forti motori dell’animo umano, che poco alla vota involvono nel nulla cui tende la società contemporanea.
    Il desiderio, che nella sua etimologia è la somma dei termini latini de e siderio, significa letteralmente: dalle stelle, è il principale motore dell’evoluzione umana poiché produce una tensione co...
    Pubblicata il:16/07/2020
    Tania di Malta da Lampedusa
    Ho conosciuto Talia, che l'error flagella e ride
    Quel che rimane da un anno molto amaro per più versi, è la scoperta di una amicizia nuova e splendente come quella che può nascere tra due poeti.
    Pubblicata il:01/09/2020
© Tutti i diritti sono riservati
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
- A +