domenica 29 novembre 2020

NOSTALGIA E DESIDERIO

l’abbraccio impossibile della Venere di Milo

NOSTALGIA E DESIDERIO

L’etimologia della parola nostalgia è greca, e mette assieme i termini: Nostos (ritorno) e algos (dolore). Si tratta quindi, da un punto di vista etimologico, di ricordo che causa dolore.

Ma non è un ricordare qualcosa di doloroso, anzi, il dolore è provocato dalla bellezza del ricordo e dalla impossibilità di andare oltre la sua rievocazione e di concretizzarlo.

La nostalgia è legata al desiderio, ma poiché in essa gioca il fattore tempo, impossibile da percorrere al contrario, il destino di ogni desiderio associato alla nostalgia è quello di essere irrealizzabile.

La nostalgia, in un certo senso, manda in corto circuito il nostro naturale tendere a qualcosa di migliore, a desiderare qualcosa di sempre più appagante, a non accontentarci mai.

Il problema è che la natura umana è fatta in modo che il nostro passato appaia di molto migliore del nostro presente. La cosa è tanto più vera quanto più invecchiamo e ci accorgiamo del venir meno del nostro vigore, sia fisico che mentale.

Quindi è facile che ci appaiano migliori del presente anche frammenti di ricordo che rimandano a periodi faticosi, difficili, persino dolorosi, semplicemente perché noi eravamo diversi, ed era diverso il nostro atteggiamento mentale nei confronti della vita.

Tristezza e rimpianto sono i principali stati d’animo che caratterizzano la nostalgia. Entrambi generati dalla impossibilità di rivivere davvero ciò che scorre nella nostra mente.

Ruben Dario, poeta nicaraguense dell’800, ebbe a paragonare la sua incapacità di esprimere i propri sentimenti, all’abbraccio impossibile della venere di Milo, ed è la sintesi del significato della parola nostalgia, è la cosa più vicina alla realtà che tenta di descrivere, ovvero l’immergersi nel ricordo del calore dei nostri affetti più cari, ed il ritrovarsi a non poter essere abbracciati, avvolti da loro. 

YO PERSIGO UNA FORMA QUE NO ENCUENTRA MI ESTILO 

Seguo una strada che non trova il mio stile,
pulsante del pensiero che cerca di essere la rosa;
Si annuncia con un bacio che si posa sulle mie labbra
l'impossibile abbraccio della Venere di Milo. 

Le palme verdi abbellano il portico bianco;
Gli astri hanno predetto la visione della Dea;
E nella mia anima la luce riposa, come riposa
l'uccello della luna su un lago calmo. 

E trovo solo la parola che fugge,
l'iniziazione melodica che fluisce dal flauto
e la barca dei sogni che vaga nello spazio; 

E sotto la finestra della mia bella addormentata,
il continuo singhiozzo del getto della fontana
E il collo del grande cigno bianco che mi interroga.

(Rubén Darío, Prosas profanas y otros poemas, 1879)

Desiderare ciò che la nostalgia ci mette dentro al cuore è quindi doloroso, struggente ed irrealizzabile.

La mia amica Francy, quando dice di provare nostalgia dell’infinito, dell’eterno e della pace che le dà la contemplazione di Dio, entra in una dimensione mistica che le invidio.

Per provare nostalgia per qualcosa che non appartiene alla nostra vita terrena, ed è molto più legata al nostro futuro che non al passato, e che soprattutto, innesca un desiderio realizzabile, perché spacca il senso in cui scorre il tempo, occorre essere andati oltre ciò che è umano e che solo i grandi mistici possono comprendere.

Resta comunque il fatto che le braccia di Dio, in quale forma non so, al momento opportuno ci saranno ed il loro abbraccio sarà in grado di scaldare il nostro cuore, senza che noi si debba, per forza, giungere alla fine dei nostri giorni per sentirlo.

In ogni caso, porsi il problema sul fatto che il suo desiderio di pace e di amore scaturisca o meno dalla nostalgia, è irrilevante, quello che conta è che ci sia, ed in qualche modo, sia realizzabile.

E Bon!


Visualizzazioni: 279
Altre Pagine sull'argomento
    IL MILLENIUM BUG
    tra nichilismo e realismo terminale profetizzare l’uomo che verrà
    Forse qualcuno ricorda i tempi nei quali si è scollinato il millennio. Si parlava di millenniun bug e ci si aspettava che il crinale del millennio producesse catastrofi nei sistemi elettronici, con...
    Pubblicata il:16/06/2020
    LA DONNA PERFETTA ESISTE?
    Qualche riflessione partendo dal libro dei proverbi della Bibbia.
    Un paio di domeniche fa, me ne sono andato a messa, correva il quindicesimo giorno del mese di novembre di quest’anno bisesto e da dimenticare, e la prima lettura, tratta dal libro dei proverbi par...
    Pubblicata il:20/11/2020
    MENDICANDO LA GRAZIA DI SAPER AMARE
    Della differenza tra amare e voler bene e del Piccolo Principe
    Se vuoi davvero farti del bene, interrogati non sul passato o sul futuro, ma esplora il tuo presente.
    Pubblicata il:22/09/2020
    MICROCHIP E LIBERTA'
    il fantasma che incombe su tutti noi
    Indubbiamente quando e se sarà impiantato su ognuno di noi, segnerà il passaggio ad un altro tipo di società umana, nella quale verrà tracciata ogni nostra azione, ogni nostra frequentazione, ogni ...
    Pubblicata il:18/06/2020
    RICORDANDO PAOLA
    Come l’amore può essere, come può durare fino alla fine?
    Paola se né andata qualche hanno fa. È scivolata via senza far botti a 54 anni, si è spenta lasciandolo solo.
    Pubblicata il:24/09/2020
    RICORDARE E DESIDERARE
    I due più forti motori dell’animo umano, che poco alla vota involvono nel nulla cui tende la società contemporanea.
    Il desiderio, che nella sua etimologia è la somma dei termini latini de e siderio, significa letteralmente: dalle stelle, è il principale motore dell’evoluzione umana poiché produce una tensione co...
    Pubblicata il:16/07/2020
    Sintomi ed effetti del Narcisismo
    Qualche considerazione ignorante su uno dei drammi della contemporaneità
    AUTODIAGNOSI DEL NARCISISMO: Ancorché estremamente improbabile, non è impossibile che un narcisista riconosca da solo di essere affetto dalla sindrome da disturbo narcisistico di personalità
    Pubblicata il:16/09/2020
    Via del Campo
    Camminare per i vicoli di Genova e provare a mettere il piede dove lo ha messo Faber
    Sono stato a visitare Via del Campo, e lo ho fatto soprattutto per farmi un selfie davanti alla targa che ricorda Faber: Fabrizio de Andrè.
    Pubblicata il:03/11/2020
© Tutti i diritti sono riservati
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
- A +