giovedì 14 novembre 2019

I piccoli paesi

Ciò che ha distrutto la narrazione contemporanea non è il paese ma la vicinanza tra le persone.

I piccoli paesi

Tanto tanto tempo fa, esistevano i piccoli paesi. Non erano tanto le dimensioni del centro abitato a farli piccoli, quanto il fatto che le persone si sentissero vicine le une alle altre.

Anche le città erano piccoli paesi, nei quali, seppur su scala maggiorata rispetto ai borghi di campagna, esistevano le stesse dinamiche nei rapporti interpersonali.

I piccoli paesi, che quindi erano una dimensione dell’anima e non una estensione geografica, erano in grado di produrre quel che oggi, pomposamente, viene chiamato Welfare, ovvero una sorta di garanzia di sopravvivenza per tutti, erano posti nei quali lo scemo del villaggio veniva sfamato ed aiutato da tutti, nei quali il prete, in modo sempre molto discreto, metteva le mani al portafoglio per le emergenze, magari privandosi del dentista.

Poi, progressivamente, ma nemmeno troppo, le persone si sono reciprocamente allontanate.

Il processo è avvenuto in modo lento, quasi a voler attuare quella che in fisica si chiama, fenomenologia quasi statica, con la quale il veleno veniva inoculato poco a poco, immunizzandoci come novelli Mitridate Re del Ponto.

Quel veleno per il quale era necessaria una mitridatizzazione della gente, era l’egoismo.

Poco per volta ci sono state inoculate dosi di egoismo sempre più grandi, fino a portarci a pensare che la nostra felicità sia il fine della nostra esistenza.

Fin qui non ci sarebbe niente di male, il problema è che la nostra felicità si realizza a scapito di quella degli altri, in una sorta di lotta per la felicità che rassomiglia a quella che Darwin teorizza per l’evoluzione delle specie, nella quale sopravvive il più adatto.

Certo, vivere circondati da gente impicciona, che si fa gli affari tuoi, che spettegola su di te, è l’altra faccia del vivere in un Piccolo paese, ed ancor più il dover sottostare a delle gerarchie famigliari, che spesso erano patriarcali, con rapporti difficili tra fratelli, tra padre e figli, tra suocera e nuora, erano elementi su cui facilmente si poteva far leva per minare la società nelle sue fondamenta.

E così, poco per volta si è iniziato a raccontare di un uomo che non ha bisogno degli altri, che non ha bisogno della famiglia, che può vivere senza affetti. E’ stata utilizzata la pubblicità, il marketing, la fiction televisiva, e con un bombardamento costante e continuo, come quello di una goccia d’acqua che cade su una lapide, la roccia si è bucata, finendo, alla fine, per rompersi.

E poi, nella narrazione che da decenni viene fatta, vi è equivalenza tra denaro e felicità, il che cambia il ruolo del denaro nella nostra vita: non più mezzo ma fine.

In somma, siamo diventati, dopo decenni di martellamento dottrinale, estremamente egoisti, incredibilmente competitivi ed orrendamente soli.

Quei piccoli paesi, nei quali la gente viveva vicina, ora sono coacervi di uomini soli, che non si voltano quando passiamo, che non ci riconoscono.

Ora rimangono solo le rovine abbandonate dei borghi che erano la nostra vita e nei quali, nel bene e nel male, vivevamo assieme.

Mi viene da pensare al Vajont ed a Longarone, quando il monte Toc franò nell’invaso e milioni di litri d’acqua dell’onda di riflusso spazzarono via la gente e le case.

Si sapeva che sarebbe successo, si capiva che la montagna cedeva, ma nessuno fece qualcosa per impedire il disastro.

Ti guardi indietro e vedi, su uno schermo fatuo, accamparsi di gitto i tuoi ricordi non veri, e sono amori per finta e menzogne.

Guardare indietro e trovare il nulla nel forse andando di un mattino è agghiacciante. Non c'è altro che una rappresentazione tra il grottesco ed il tragico, uno schermo sul quale danzano i simulacri di sentimenti che non sono mai esistiti, di bugie che ci hanno raccontate e che ci siamo impegnati a credere anche quando la mendacità era evidente.

Ma alla fine si è soli, si nasce, si vive e si muore soli.


Visualizzazioni: 174
Altre Pagine sull'argomento
  • Facciamo Finta che
    Riflessioni di un principe demoralizzato
    Mauro Biglino è un filologo esperto in antiche lingue semitiche che ha, a più riprese, tradotto la Bibbia. Lui fa conferenze dicendo ogni volta: FACCIAMO FINTA CHE, la Bibbia non parli di dio, ma d...
    Pubblicata il:23/10/2019
  • Forse un mattino andando
    Credere nei propri valori e difenderli dal nulla che avanza
    Io credo nei valori, credo nella Famiglia, nel matrimonio, nell’amicizia, credo nella lealtà, nella generosità nella umiltà, ci credo a tal punto che penso che si possa anche morire pur di mantener...
    Pubblicata il:05/10/2019
  • L’Italia in verde
    I Simboli nazionali che vengono abbattuti come quando cambia il regime
    I simboli nazionali resistono ancora, nonostante tutto, ma poco per volta vengono svuotati di significato. Lo Sport, che è l’elemento più popolare della cultura collettiva, perché è condiviso da tu...
    Pubblicata il:15/10/2019
  • La campagna pubblicitaria fatta con i postit
    Un vero colpo di genio del pensiero divergente
    Due righe il fuori tutto di Ricci Casa le merita per la originalità e il genio che contraddistinguono la sua campagna promozionale. Si tratta di un bigliettino tipo postit firmato da una certa Sara...
    Pubblicata il:07/08/2019
  • Le Solitudini Connesse
    Quale destino ci ha fatto ciechi? Quale malvagio ci ha tolto la guida?
    Siamo destinati a diventare una società di solitudini connesse? Parrebbe proprio di sì, anche se l’ultima parola sarà la storia a dirla. Quel che oggi possiamo tentare di fare è il disegnare alcuni...
    Pubblicata il:16/10/2019
  • Lettera aperta a mio Figlio
    tra i momenti belli della vita, quello della laurea di tuo figlio è particolare poichè è simile a quello nel quale gli uccelli spiccano il primo volo.
    Ieri mio figlio Marcello si è laureato, ha preso un bel 110 e lode ed una stretta di mano da parte della commissione d’esame. Noi c’eravamo tutti, come se fossimo una famiglia ricostruita e felice.
    Pubblicata il:20/09/2019
  • Memento Mori
    Ricordati che devi morire
    Memento Mori, ricordati che devi morire, il detto di cui Girolamo Savonarola fece una bandiera ed al quale mio cugino Paolo Cavallari si rifà, nell’affermare che la vera malattia incurabile che aff...
    Pubblicata il:03/10/2019
  • Mi chiedo se sia il Tramonto, oppure sia l’Alba
    Certi dubbi non li aveva nemmeno Amleto, che pure di dubbi se ne intendeva.
    Certi dubbi non li aveva nemmeno Amleto, che pure di dubbi se ne intendeva. Ma in questo momento io sono il Principe di Danimarca! Non so dire se sia la fine oppure un inizio, oppure le due cose as...
    Pubblicata il:03/10/2019
  • Ragazzi mi fa male il mondo
    Rubo qualcosa a Gaber, ma ormai rubare è legalizzato
    Voglio vivere in una città in cui, all’ora dell’aperitivo, non ci siano spargimenti di sangue, o di detersivo. E poi voglio vivere in una città nella quale siano stranieri quelli di Gossolengo, o d...
    Pubblicata il:10/10/2019
  • Stefano Torre (io) ha presenziato al premio Senigalactica
    Assegnato a Senigallia il premio Senagalactica per la letteratura fantascientifica intitolato alla memoria del piacentino Vittorio Curtoni.
    Lo scorso 7 settembre a Senigallia, in provincia di Ancona, sono stati premiati i vincitori del premio di letteratura Fantascientifica Senagalactica “Dove stiamo Volando?”, dedicato alla memoria de...
    Pubblicata il:12/09/2019
  • Sursum Corda
    In alto i nostri cuori
    Ragazzi, le verità sono relative, non esistono l'ingiustizia e la giustizia, vi hanno ipnotizzati fino a rendervi incapaci di riconoscere il vero dal falso, e tutto diventa relativo. Così gente che...
    Pubblicata il:03/10/2019
  • Una pompa al BACLOFENE impiantata sulla colonna vertebrale
    Oggi mi hanno proposto sta roba dicendomi che così sarei veramente bionico, altro che adesso!
    Tutto perché il mio griff o la mia griff, dipende da chi ho davanti il fatto che venga chiamata al maschile o al femminile, secondo me perché non lo hanno ancora deciso se il griff è maschio o femm...
    Pubblicata il:09/10/2019
  • Uomini soli ma connessi
    Il problema del nostro tempo è l’illusione di avere relazioni.
    Il problema del nostro tempo è l’illusione di avere relazioni. Non mi interessa mettermi a contemplare la nostalgia dei tempi passati, mi interessa invece la constatazione che la società si stia tr...
    Pubblicata il:14/10/2019
© Tutti i diritti sono riservati
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
- A +