giovedì 14 novembre 2019

Uomini soli ma connessi

Il problema del nostro tempo è l’illusione di avere relazioni.

Uomini soli ma connessi

Non mi interessa mettermi a contemplare la nostalgia dei tempi passati, mi interessa invece la constatazione che la società si stia trasformando in un conglomerato di persone sole, connesse in vario modo tra loro.

Ma il simulacro di rapporto umano che è la rete, che sono i social network, che sono quei maledetti aggeggi che ci ostiniamo a chiamare telefoni e che fanno di tutto, e forse servono anche per telefonare, non sono in grado, nemmeno lontanamente, di riprodurre la magia di un incontro tra persone.

Le connessioni sono la fatua finzione dei rapporti, la rappresentazione digitale di un reale che non esiste, perché mai e poi mai un apparecchio digitale potrà diventare una estensione dei nostri sensi.

L’illusione che creano è comunque fatale, e finisce per nascondere l’agghiacciante verità nella quale siamo immersi senza saperlo, che è la solitudine.

Così riusciamo a sopravvivere, ed è la prima volta nella storia umana, senza rapporti veri con gli altri, perché abbiamo dei simulacri vagamente credibili di quelli.

Prima di noi gli uomini, se venivano per qualunque motivo esiliati o allontanati dalla loro comunità, ce lo racconta bene Claude Levi Strauss nei resoconti dei suoi studi sulle tribù della Papuasia, nell’arco di 48 ore, prima ancora che di sete o di fame, morivano per disidentità.

Ma noi che siamo connessi non riusciamo a vivere il dramma della disintegrazione della nostra identità, dal momento che la gente non ci riconosce per strada ma sui social.

Non riconosce noi, ma la nostra immagine, il nostro simulacro digitale, nel quale anche noi finiamo per riconoscere noi stessi.

Di vita reale, vera, ne abbiamo una sola. Giorno dopo giorno costruiamo la nostra identità, che in gran parte è il modo con il quale gli altri ci riconoscono, e che poco per volta diventa a tutti gli effetti, quello che siamo.

L’illusione più pericolosa che la alternativa realtà cibernetica produce sulla nostra percezione, è l’illusione che si possa ripartire con una nuova vita, come in una partita ai videogiochi.

Non è che, sotto sotto, non ci si renda conto di quello che succede, ma riusciamo a mentire talmente bene a noi stessi da impedirci di soffiare via la nebbia nella quale siamo immersi.

La finzione cibernetica, unita alla naturale tendenza umana a non vedere i propri guai, riesce ad attutire una mancanza che, diversamente sarebbe mortifera.

Non è cosa che riguarda solamente le menti deboli, coinvolge tutti, ed è una sorta di cambiamento antropologico che stiamo vivendo.

Ci illudiamo che l’uomo non abbia bisogno degli altri, o peggio, che il rapporto con gli altri sia un gioco, e ci comportiamo come se il nostro prossimo, male che vada, possa essere cancellato con un click.

Tanto gli amici, quanto i nostri amori, che sono gli elementi più importanti della nostra sfera affettiva, diventano precari, e finiscono per non essere mai realmente autentici, pervasi da un egoismo di fondo, che è connaturato al mondo virtuale che, un po’ per volta, ci sta inghiottendo.

La società si trasforma in modo veloce e vorticoso, apparentemente eterodiretto, e difficilmente comprensibile. Fare una sintesi di quel che sta succedendo all’uomo ed al suo rapporto con la realtà, non è semplice nemmeno per i filosofi, figuriamoci per me, che sono e morirò ignorante, ma è comunque possibile leggere alcune tendenze, elementi che dominano la scena di questo cambiamento, che spaventano tanti, me compreso, e che determineranno l’uomo del futuro.

Sempre che di uomo si possa ancora parlare, visto che qualcuno sta iniziando a dire che Uomo, per significare umanità, non è un termine corretto perché esclude dal contesto le Donne.

Vadrum!


Visualizzazioni: 135
Altre Pagine sull'argomento
  • Forse un mattino andando
    Credere nei propri valori e difenderli dal nulla che avanza
    Io credo nei valori, credo nella Famiglia, nel matrimonio, nell’amicizia, credo nella lealtà, nella generosità nella umiltà, ci credo a tal punto che penso che si possa anche morire pur di mantener...
    Pubblicata il:05/10/2019
  • I piccoli paesi
    Ciò che ha distrutto la narrazione contemporanea non è il paese ma la vicinanza tra le persone.
    Tanto tanto tempo fa, esistevano i piccoli paesi. Non erano tanto le dimensioni del centro abitato a farli piccoli, quanto il fatto che le persone si sentivano vicine le une alle altre.
    Pubblicata il:12/10/2019
  • L’Italia in verde
    I Simboli nazionali che vengono abbattuti come quando cambia il regime
    I simboli nazionali resistono ancora, nonostante tutto, ma poco per volta vengono svuotati di significato. Lo Sport, che è l’elemento più popolare della cultura collettiva, perché è condiviso da tu...
    Pubblicata il:15/10/2019
  • La campagna pubblicitaria fatta con i postit
    Un vero colpo di genio del pensiero divergente
    Due righe il fuori tutto di Ricci Casa le merita per la originalità e il genio che contraddistinguono la sua campagna promozionale. Si tratta di un bigliettino tipo postit firmato da una certa Sara...
    Pubblicata il:07/08/2019
  • Le Solitudini Connesse
    Quale destino ci ha fatto ciechi? Quale malvagio ci ha tolto la guida?
    Siamo destinati a diventare una società di solitudini connesse? Parrebbe proprio di sì, anche se l’ultima parola sarà la storia a dirla. Quel che oggi possiamo tentare di fare è il disegnare alcuni...
    Pubblicata il:16/10/2019
  • Memento Mori
    Ricordati che devi morire
    Memento Mori, ricordati che devi morire, il detto di cui Girolamo Savonarola fece una bandiera ed al quale mio cugino Paolo Cavallari si rifà, nell’affermare che la vera malattia incurabile che aff...
    Pubblicata il:03/10/2019
  • Mi chiedo se sia il Tramonto, oppure sia l’Alba
    Certi dubbi non li aveva nemmeno Amleto, che pure di dubbi se ne intendeva.
    Certi dubbi non li aveva nemmeno Amleto, che pure di dubbi se ne intendeva. Ma in questo momento io sono il Principe di Danimarca! Non so dire se sia la fine oppure un inizio, oppure le due cose as...
    Pubblicata il:03/10/2019
  • Ragazzi mi fa male il mondo
    Rubo qualcosa a Gaber, ma ormai rubare è legalizzato
    Voglio vivere in una città in cui, all’ora dell’aperitivo, non ci siano spargimenti di sangue, o di detersivo. E poi voglio vivere in una città nella quale siano stranieri quelli di Gossolengo, o d...
    Pubblicata il:10/10/2019
  • Stefano Torre (io) ha presenziato al premio Senigalactica
    Assegnato a Senigallia il premio Senagalactica per la letteratura fantascientifica intitolato alla memoria del piacentino Vittorio Curtoni.
    Lo scorso 7 settembre a Senigallia, in provincia di Ancona, sono stati premiati i vincitori del premio di letteratura Fantascientifica Senagalactica “Dove stiamo Volando?”, dedicato alla memoria de...
    Pubblicata il:12/09/2019
  • Sursum Corda
    In alto i nostri cuori
    Ragazzi, le verità sono relative, non esistono l'ingiustizia e la giustizia, vi hanno ipnotizzati fino a rendervi incapaci di riconoscere il vero dal falso, e tutto diventa relativo. Così gente che...
    Pubblicata il:03/10/2019
  • Una pompa al BACLOFENE impiantata sulla colonna vertebrale
    Oggi mi hanno proposto sta roba dicendomi che così sarei veramente bionico, altro che adesso!
    Tutto perché il mio griff o la mia griff, dipende da chi ho davanti il fatto che venga chiamata al maschile o al femminile, secondo me perché non lo hanno ancora deciso se il griff è maschio o femm...
    Pubblicata il:09/10/2019
© Tutti i diritti sono riservati
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
- A +