venerdì 14 agosto 2020

Un Selfie con la Mascherina

Così la smetteranno di guardarmi in cagnesco

Un Selfie con la Mascherina

Pc. 6.4.2020

Finalmente ho trovato una mascherina in farmacia. Finalmente posso farmi un selfie con la faccia paludata, cosa che sinceramente mi mancava.

A parte gli scherzi, l’andare in giro con questo pezzo di stoffa sulla bocca e sul naso, attaccato con gli elastici agli orecchi, con gli occhiali che si appannano ad ogni respiro, rende il camminare per strada definitivamente apocalittico.

Fino ad ora avevo resistito, e non già perché non lo volessi fare, ma perché le mascherine erano introvabili. Adesso, forse, le persone che incrocio per la strada, non mi guarderanno più con quell’aria di sospetto che rende la solitudine ancor più intensa.

Perché, Raga, la vita in questo tempo sospeso, in attesa che tutto torni come prima, è fatta soprattutto di solitudine.

Ci sono quelli, come me che vivono soli e han ridotto i rapporti con gli altri ad un esclusivo livello virtuale, e quelli che convivono con moglie e figli, e che scoprono la solitudine nella aridità dei propri affetti.

Il mondo che abbiamo vissuto fino a ieri, ci ha resi ciechi di fronte alla nostra incapacità di amare e di farci amare, ed ora tutto ci viene sbattuto in faccia, come dentro uno specchio.

Ma vedere ciò che non riconosciamo è cosa impossibile. Bisognerebbe cambiare dentro, nel profondo del nostro intimo, bisognerebbe imparare che l’affetto, i legami con gli altri, sono la sola vera ricchezza che possiamo avere. Una ricchezza che non possiamo possedere, ma della quale non possiamo fare a meno.

Ed allora eccomi qua, a vagare, come uno zombie in una città morta, alla ricerca di un tabaccaio aperto, con la mia mascherina anti covid, ed un turbamento interiore che contrasta con questa magnifica giornata primaverile.

Ma ho la mascherina adesso, e mi sento più forte anche se più solo.

La mascherina non ti salva, ma aiuta a tenere lontana la peste. La mascherina è una barriera che ti separa dagli altri, dagli untori, dai malati consapevoli ed inconsapevoli, è una muraglia isolante che ti rende ancora più solo.

L’apocalisse che viviamo, è un tempo nel quale l’io non esiste più. Solo la responsabilità verso gli altri deve animarci ad agire, quindi l’isolarsi, con tutta la fatica che comporta, ha un senso nobile ed alto.

Sopportare è la parola d’ordine, sopportare e pensare al futuro, a quando tutto questo sarà finito e si potrà nuovamente vivere.

Pensare al futuro, alle piccole cose che ci riempiranno la vita, ora che non abbiamo più il bene di una citta fatta di persone da incontrare, da abbracciare, da baciare, da ascoltare, ci salva dalla depressione. Perché io so che verrà un giorno nel quale potrò andare a mangiare un risotto col tartufo da Renato a Cassano, in buona compagnia, e questo basta a rendere possibile la solitudine di oggi.

Arriverà domani, e domani torneremo a vivere.


Visualizzazioni: 153
Altre Pagine sull'argomento
    AMOR VINCIT OMNIA
    Siamo entrati nella settimana santa, ovvero nel periodi più sacro dell’anno secondo la religione Cristiana
    Siamo entrati nella settimana santa, ovvero nel periodi più sacro dell’anno secondo la religione Cristiana. Ma non ci saranno messe pasquali, e neppure tutte le altre celebrazioni che i cristiani f...
    Pubblicata il:07/04/2020
    Carlo Taormina denuncia il primo Ministro Conte per Epidemia colposa ed omicidio plurimo.
    Depositata alla procura di Roma negli scorsi giorni, la denuncia ha raccolto più di un milione di firme di sostegno.
    Depositata alla procura di Roma negli scorsi giorni, la denuncia ha raccolto più di un milione di firme di sostegno.
    Pubblicata il:08/04/2020
    Forse un mattino andando
    Credere nei propri valori e difenderli dal nulla che avanza
    Io credo nei valori, credo nella Famiglia, nel matrimonio, nell’amicizia, credo nella lealtà, nella generosità nella umiltà, ci credo a tal punto che penso che si possa anche morire pur di mantener...
    Pubblicata il:05/10/2019
    I piccoli paesi
    Ciò che la narrazione contemporanea ha distrutto non è il piccolo paese ma la vicinanza tra le persone.
    Tanto tanto tempo fa, esistevano i piccoli paesi. Non erano tanto le dimensioni del centro abitato a farli piccoli, quanto il fatto che le persone si sentivano vicine le une alle altre.
    Pubblicata il:12/10/2019
    Il CoronaVirus è arrivato in città e ha cambiato la nostra vita
    Di punto in bianco è tutto fermo e il tempo scorre più lentamente
    Così il #CoronaVirus è arrivato anche a #Piacenza. Il modo con il quale è arrivato è dirompente, surreale, se non da panico vero e proprio, comunque in modo da creare inquietudine.
    Pubblicata il:26/02/2020
    IL MILLENIUM BUG
    tra nichilismo e realismo terminale profetizzare l’uomo che verrà
    Forse qualcuno ricorda i tempi nei quali si è scollinato il millennio. Si parlava di millenniun bug e ci si aspettava che il crinale del millennio producesse catastrofi nei sistemi elettronici, con...
    Pubblicata il:16/06/2020
    La task force governativa anti fake news, in neo lingua significa la fine della libertà
    Equivale ad istituire il ministero della verità e ad abolire la libertà di pensiero e di espressione
    In questi giorni ho riletto 1984 di GEOGE ORWELL. Le somiglianze con il tempo presente sono tante e sono inquietanti. Sono nel nostro modo di intendere politica e potere, sono nel nostro modi di pe...
    Pubblicata il:06/04/2020
    Le Solitudini Connesse
    Quale destino ci ha fatto ciechi? Quale malvagio ci ha tolto la guida?
    Siamo destinati a diventare una società di solitudini connesse? Parrebbe proprio di sì, anche se l’ultima parola sarà la storia a dirla. Quel che oggi possiamo tentare di fare è il disegnare alcuni...
    Pubblicata il:16/10/2019
    MICROCHIP E LIBERTA'
    Indubbiamente quando e se sarà impiantato su ognuno di noi, segnerà il passaggio ad un altro tipo di società umana, nella quale verrà tracciata ogni nostra azione, ogni nostra frequentazione, ogni ...
    Pubblicata il:18/06/2020
    Qualche riflessione sulla epidemia di Corona Virus a Piacenza
    La Domenica delle Salme
    In emergenza capita che i numeri vengano rilevati in modo errato, come è successo in questo periodo. I tamponi per verificare la positività delle persone sono stati fatti un tanto al chilo, ed anch...
    Pubblicata il:06/04/2020
    Voglio tornare bambino
    Qualche riflessione e molta nostalgia pensando ai mille fratelli che avevo nel Borgo Ratto, a Bettola, tanti anni fa.
    Oggi di bambini nel vecchio Borgo Ratto, non ce ne sono più. Sono chiusi in casa, oppure alla piscina comunale, o chissà dove. Non c’è più quel continuo vociare cosparso di gorgheggi di felicità, o...
    Pubblicata il:10/04/2020
© Tutti i diritti sono riservati
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
- A +