giovedì 14 novembre 2019

Ragazzi mi fa male il mondo

Rubo qualcosa a Gaber, ma ormai rubare è legalizzato

Ragazzi mi fa male il mondo

Voglio vivere in una città ...

Voglio vivere in una città in cui, all’ora dell’aperitivo, non ci siano spargimenti di sangue, o di detersivo.

E poi voglio vivere in una città nella quale siano stranieri quelli di Gossolengo, o di Rivergaro.

Signor cartolaio

Non ne posso più del mondo mondo, voglio un mondo microscopico, un modo grande al massimo come una via, anzi, un condominio. Voglio un mondo con tutti i negozietti sotto casa, il panettiere, il lattaio, il salumiere, il droghiere e persino la merceria.

Un mondo nel quale il cartolaio sia il Signor Cartolaio, con un nome, un cognome e magari un soprannome; un mondo nel quale tutti sanno le cose di tutti, le donne sono pettegole ed il prete è un impiccione, discreto ma impiccione.

Voglio un mondo nel quale gli uomini si riconoscano gli uni negli altri, senza Netflix, senza Greta Tumberg a spaccare i maroni.

Un mondo nel quale le ideologie politiche sono nel sangue e la gente litiga ed urla al bar per sostenerle, liti furibonde con tanti: “Ti Ammazzo” per poi berci su parlando di calcio.

Una città nella quale i bambini giocano per strada senza bisogno di una agenda con impegni e appuntamenti.

La galaverna

Un Posto nel quale l’estate è l’estate, calda, afosa, e l’inverno è inverno, freddo, con la neve e la pioggia e la nebbia. Un mondo nel quale arriva la Galaverna, che i miei figli non hanno mai visto.

Voglio un mondo nel quale i cortili sono pieni di galline, e i pollai di uova, che i miei figli non sanno che le uova le fanno i polli se non perché lo han visto su Netflix.

Marcovaldo

Ma se Marcovaldo, o quell’uomo che gli stava dietro a muover le corde della marionetta splendida che aveva disegnato, Italo Calvino, avesse solo visto la millesima parte di quello che siamo oggi, cosa avrebbe scritto? Non c’è più un solo punto di riferimento che sia rimasto tale, i negozi chiudono, in centro cambiano, in periferia rimangono vuoti. La gente vive sulle risorse dei genitori, i nostri figli su cosa vivranno, che noi abbiamo mangiato tutto? Le famiglie si disintegrano, i giuramenti vengono disattesi, nessuno crede più in Dio e neppure nelle ideologie e siamo disponibili per il miglior offerente.

Siamo i killer di noi stessi, arrotati in una spirale paurosa che ci pare la regola dell’esistenza umana, una spirale che ruota vorticosamente, producendoci allucinazioni e senso di nausea.

E non c’è più un alto o un basso, un prima e un dopo, un vivere o un morire, e le chiese sono i sepolcri di Dio perché lo abbiamo ammazzato Dio.

Montale

Poi, come su uno schermo, s’accamperanno di gitto, alberi, case e colli, per l’inganno consueto, ma sarà troppo tardi.

E noi resteremo inesorabilmente soli.

 


Visualizzazioni: 113
Altre Pagine sull'argomento
  • Facciamo Finta che
    Riflessioni di un principe demoralizzato
    Mauro Biglino è un filologo esperto in antiche lingue semitiche che ha, a più riprese, tradotto la Bibbia. Lui fa conferenze dicendo ogni volta: FACCIAMO FINTA CHE, la Bibbia non parli di dio, ma d...
    Pubblicata il:23/10/2019
  • Forse un mattino andando
    Credere nei propri valori e difenderli dal nulla che avanza
    Io credo nei valori, credo nella Famiglia, nel matrimonio, nell’amicizia, credo nella lealtà, nella generosità nella umiltà, ci credo a tal punto che penso che si possa anche morire pur di mantener...
    Pubblicata il:05/10/2019
  • I piccoli paesi
    Ciò che ha distrutto la narrazione contemporanea non è il paese ma la vicinanza tra le persone.
    Tanto tanto tempo fa, esistevano i piccoli paesi. Non erano tanto le dimensioni del centro abitato a farli piccoli, quanto il fatto che le persone si sentivano vicine le une alle altre.
    Pubblicata il:12/10/2019
  • Ieri a Firenze c’era la polizia.
    Il corteo di poeti per le vie del centro di Firenze aveva bisogno di una scorta
    Il corteo dei poeti che si è mosso da piazza Santa Maria Novella a Piazza Santa Croce, passando come un serpente ebbro, per la vie del centro della città di dante, è stato scortato da polizia e vig...
    Pubblicata il:15/09/2019
  • L’Italia in verde
    I Simboli nazionali che vengono abbattuti come quando cambia il regime
    I simboli nazionali resistono ancora, nonostante tutto, ma poco per volta vengono svuotati di significato. Lo Sport, che è l’elemento più popolare della cultura collettiva, perché è condiviso da tu...
    Pubblicata il:15/10/2019
  • La campagna pubblicitaria fatta con i postit
    Un vero colpo di genio del pensiero divergente
    Due righe il fuori tutto di Ricci Casa le merita per la originalità e il genio che contraddistinguono la sua campagna promozionale. Si tratta di un bigliettino tipo postit firmato da una certa Sara...
    Pubblicata il:07/08/2019
  • Le Solitudini Connesse
    Quale destino ci ha fatto ciechi? Quale malvagio ci ha tolto la guida?
    Siamo destinati a diventare una società di solitudini connesse? Parrebbe proprio di sì, anche se l’ultima parola sarà la storia a dirla. Quel che oggi possiamo tentare di fare è il disegnare alcuni...
    Pubblicata il:16/10/2019
  • Lettera aperta a mio Figlio
    tra i momenti belli della vita, quello della laurea di tuo figlio è particolare poichè è simile a quello nel quale gli uccelli spiccano il primo volo.
    Ieri mio figlio Marcello si è laureato, ha preso un bel 110 e lode ed una stretta di mano da parte della commissione d’esame. Noi c’eravamo tutti, come se fossimo una famiglia ricostruita e felice.
    Pubblicata il:20/09/2019
  • Memento Mori
    Ricordati che devi morire
    Memento Mori, ricordati che devi morire, il detto di cui Girolamo Savonarola fece una bandiera ed al quale mio cugino Paolo Cavallari si rifà, nell’affermare che la vera malattia incurabile che aff...
    Pubblicata il:03/10/2019
  • Mi chiedo se sia il Tramonto, oppure sia l’Alba
    Certi dubbi non li aveva nemmeno Amleto, che pure di dubbi se ne intendeva.
    Certi dubbi non li aveva nemmeno Amleto, che pure di dubbi se ne intendeva. Ma in questo momento io sono il Principe di Danimarca! Non so dire se sia la fine oppure un inizio, oppure le due cose as...
    Pubblicata il:03/10/2019
  • Stefano Torre (io) ha presenziato al premio Senigalactica
    Assegnato a Senigallia il premio Senagalactica per la letteratura fantascientifica intitolato alla memoria del piacentino Vittorio Curtoni.
    Lo scorso 7 settembre a Senigallia, in provincia di Ancona, sono stati premiati i vincitori del premio di letteratura Fantascientifica Senagalactica “Dove stiamo Volando?”, dedicato alla memoria de...
    Pubblicata il:12/09/2019
  • Sursum Corda
    In alto i nostri cuori
    Ragazzi, le verità sono relative, non esistono l'ingiustizia e la giustizia, vi hanno ipnotizzati fino a rendervi incapaci di riconoscere il vero dal falso, e tutto diventa relativo. Così gente che...
    Pubblicata il:03/10/2019
  • Una pompa al BACLOFENE impiantata sulla colonna vertebrale
    Oggi mi hanno proposto sta roba dicendomi che così sarei veramente bionico, altro che adesso!
    Tutto perché il mio griff o la mia griff, dipende da chi ho davanti il fatto che venga chiamata al maschile o al femminile, secondo me perché non lo hanno ancora deciso se il griff è maschio o femm...
    Pubblicata il:09/10/2019
  • Uomini soli ma connessi
    Il problema del nostro tempo è l’illusione di avere relazioni.
    Il problema del nostro tempo è l’illusione di avere relazioni. Non mi interessa mettermi a contemplare la nostalgia dei tempi passati, mi interessa invece la constatazione che la società si stia tr...
    Pubblicata il:14/10/2019
© Tutti i diritti sono riservati
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
- A +