giovedì 14 novembre 2019

Lettera aperta a mio Figlio

tra i momenti belli della vita, quello della laurea di tuo figlio è particolare poichè è simile a quello nel quale gli uccelli spiccano il primo volo.

Lettera aperta a mio Figlio

Prima della pubblicazione di questa pagina, poichè è uscita molto intima, ho chiesto a Marcello di autorizzarmi alla sua pubblicazione. Me la ha data, qundi eccovela qui!

Pc.18.9.19

Ieri mio figlio Marcello si è laureato, ha preso un bel 110 e lode ed una stretta di mano da parte della commissione d’esame. Noi c’eravamo tutti, come se fossimo una famiglia ricostruita e felice.

La sua tesi di laurea si concludeva con questa frase: “ed infine ringrazio mio nonno che fin da quando ero piccolo mi ha fatto entrare nel suo garage, costruendomi oggetti e spiegandomi come lavorare il legno, e soprattutto lo ringrazio perché quando mi tagliai lavorando con un seghetto, non mi disse di non usarlo più, ma mi spiegò come utilizzarlo.”

E da sola, io credo che valga la lode.

Il nonno Eugenio fu veramente capace di entrare in simbiosi con Marcellino, la gioia che riuscivano a creare reciprocamente era talmente intesa da potersi quasi toccare, ed ora, trovarla anche dentro la sua tesi, intatta, cristallina, palpabile a chi la sa cogliere, mi contagia.

Non è solamente nostalgia, vi è anche quella figuriamoci, ma il fatto che Marcello abbia ringraziato il Nonno Eugenio senza cambiare il tempo verbale al presente con il quale ha ringraziato gli altri, me, sua madre, suo fratello, i suoi professori, rende la grandezza, la magia, la forza del ricordo come cosa viva, presente ora e sempre.

La vita del Nonno si sta perpetuando in quella di Marcello, gli è dentro come una magia infinita, come un sogno reale, bellissimo ed intensissimo, che in se ha l’essenza dell’amore.

Chissà se un giorno anche io sarò capace di farmi ricordare con questa intensità, sarebbe come consegnare alla morte quella goccia di splendore della smisurata preghiera di Faber, sarebbe come dare un senso all’esistenza, sempre che un senso sia necessario.

Ma il Nonno Eugenio ha seminato tante gocce di splendore, una anche in me, e sono veramente felice di poterle vedere.

Che dire a Marcello:

”Vai, hai una strada luminosa davanti a te, seguila e non fermarti anche quando troverai sul tuo sentiero ostacoli grandi, apparentemente insormontabili, non dubitare mai di farcela.

Osa, e se sarà necessario chiedi aiuto, chiedilo a chi ti sta vicino, non avere paura, mai, della tua fragilità, perché è ricchezza.

Sogna, con intensità, senza limiti, e nutri dei tuoi sogni la tua vita, se smetterai di sognare rischierai di spegnere quella scintilla geniale che hai dentro.

Ama, fallo più intensamente che puoi, non avere paura di dare te stesso, e ricorda che noi siamo i nostri amori ed i nostri affetti, senza non siamo niente.

Gioca, le cose serie fatte seriamente sono noiose, metti sempre un seme di follia in quello che fai seriamente, e le cose riusciranno migliori.

E quando la tua sera inevitabilmente diventerà notte, ricordati del tuo vecchio che ti starà aspettando.

Grazie per ciò che sei, per l’animo grande che hai, per il coraggio di essere ciò che sei.”

Papà Stefano


Visualizzazioni: 688
Altre Pagine sull'argomento
  • Forse un mattino andando
    Credere nei propri valori e difenderli dal nulla che avanza
    Io credo nei valori, credo nella Famiglia, nel matrimonio, nell’amicizia, credo nella lealtà, nella generosità nella umiltà, ci credo a tal punto che penso che si possa anche morire pur di mantener...
    Pubblicata il:05/10/2019
  • I piccoli paesi
    Ciò che ha distrutto la narrazione contemporanea non è il paese ma la vicinanza tra le persone.
    Tanto tanto tempo fa, esistevano i piccoli paesi. Non erano tanto le dimensioni del centro abitato a farli piccoli, quanto il fatto che le persone si sentivano vicine le une alle altre.
    Pubblicata il:12/10/2019
  • Ieri a Firenze c’era la polizia.
    Il corteo di poeti per le vie del centro di Firenze aveva bisogno di una scorta
    Il corteo dei poeti che si è mosso da piazza Santa Maria Novella a Piazza Santa Croce, passando come un serpente ebbro, per la vie del centro della città di dante, è stato scortato da polizia e vig...
    Pubblicata il:15/09/2019
  • Memento Mori
    Ricordati che devi morire
    Memento Mori, ricordati che devi morire, il detto di cui Girolamo Savonarola fece una bandiera ed al quale mio cugino Paolo Cavallari si rifà, nell’affermare che la vera malattia incurabile che aff...
    Pubblicata il:03/10/2019
  • Mi chiedo se sia il Tramonto, oppure sia l’Alba
    Certi dubbi non li aveva nemmeno Amleto, che pure di dubbi se ne intendeva.
    Certi dubbi non li aveva nemmeno Amleto, che pure di dubbi se ne intendeva. Ma in questo momento io sono il Principe di Danimarca! Non so dire se sia la fine oppure un inizio, oppure le due cose as...
    Pubblicata il:03/10/2019
  • Parliamo di futuro
    La Fantascienza barriera attiva contro il Nichilismo
    Quando mi hanno chiesto di presenziare alla consegna del premio letterario Senigalatticca, dedicato alla letteratura fantascientifica, mi sono posto il problema di cosa dire, ed ho provato a stende...
    Pubblicata il:11/09/2019
  • Ragazzi mi fa male il mondo
    Rubo qualcosa a Gaber, ma ormai rubare è legalizzato
    Voglio vivere in una città in cui, all’ora dell’aperitivo, non ci siano spargimenti di sangue, o di detersivo. E poi voglio vivere in una città nella quale siano stranieri quelli di Gossolengo, o d...
    Pubblicata il:10/10/2019
  • Una pompa al BACLOFENE impiantata sulla colonna vertebrale
    Oggi mi hanno proposto sta roba dicendomi che così sarei veramente bionico, altro che adesso!
    Tutto perché il mio griff o la mia griff, dipende da chi ho davanti il fatto che venga chiamata al maschile o al femminile, secondo me perché non lo hanno ancora deciso se il griff è maschio o femm...
    Pubblicata il:09/10/2019
© Tutti i diritti sono riservati
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
- A +