sabato 21 maggio 2022

IL NICHILISMO

l’equilibrio precario in cui vive l’uomo nell’era nichilista

IL NICHILISMO

Il nichilismo è tra noi. Lo riconosciamo ovunque nella società in cui viviamo per la quale non esiste nulla di duraturo, dalle cose, alle relazioni, dai sentimenti ai vestiti.

La moda che fa decadere a fine stagione gli abiti e le scarpe, è nichilista, l’obsolescenza programmata dei telefonini è nichilista, il venir meno degli archivi cartacei è nichilista, la macchina euro5 è nichilista, le seconde e terze maglie delle squadre di calcio sono nichiliste, e così anche il divorzio facile, l’eutanasia, la solitudine estrema dell’uomo d’oggi sono forme di nichilismo in purezza.

Tutto vive lo spazio di un tempo ristretto, e tutto porta con sé un germe di morte fin dal momento in cui nasce.

Beh!? Mi direte? Non è forse così dalla notte dei tempi? Non è forse vero che l’uomo è destinato a morire comunque?

Sì ma dalla notte dei tempi qualcosa è cambiato, ed è il fatto che adesso all’uomo manca l’anima. Il che poi, in sintesi, significa il venir meno dell’operare pensando ad un futuro ben più lontano della nostra dipartita, per lasciare qualcosa di grande e buono a chi verrà dopo di noi.

Non facciamo più le cattedrali e non riusciamo più nemmeno a concepire il fatto che secoli fa una città intera cooperasse per costruirle, impiegando magari cent’anni, senza che la storia poi rendesse merito al fabbro sconosciuto o al pristinaio che avevan contribuito al cantiere.

Il pensiero nichilista, imposto o desiderato che sia, si è impadronito del nostro presente riuscendo a farci cambiare il metro di misura dell’uomo per far diventare la sua efficienza e produttività gli unici elementi utili a giudicarlo.

In queste condizioni l’idea che possa nascere qualcosa di grandioso ai nostri giorni è abnorme: non è possibile nemmeno concepire opere come la divina commedia, come il duomo di Milano o come il Partenone, perché oggi qualunque cosa deve poter essere dimenticata in fretta.

I pubblicitari inventano i nostri bisogni, ce li inculcano e poi li sostituiscono come maghi d’avanspettacolo con altri, nuovi, effervescenti, freschi.

Nel progetto di ristrutturazione di Notre Dame a Parigi dopo l’incendio, una delle proposte è stata quella di farla diventare un centro commerciale, e alla fine è diventerà un tempio ecumenico nel quale celebrare Cristo e i Moai, Manitù e la dea Calì tutti assieme, come in un minestrone senza sale.

E tutto questo è l’equilibrio precario in cui vive l’uomo nell’era nichilista.

E Bon!


Visualizzazioni: 79
Altre Pagine sull'argomento
    25 APRILE LUTTO NAZIONALE
    la festa della riconciliazione
    Al di là di ogni mistificazione quella del 25 aprile è la festa di una sconfitta. L’Italia ha perso la guerra e lo ha fatto nel modo più cruento possibile, ovvero passando attraverso una guerra civ...
    Pubblicata il:25/04/2022
    BUON CINQUE MAGGIO
    Ci sono date diventate, loro malgrado, crinale della storia ed una di queste è il cinque maggio 1821 che è il giorno in cui morì Napoleone Buonaparte, ma non vi racconto niente di nuovo.
    Pubblicata il:09/05/2022
    DARWINISMO SOCIALE
    il darvinismo non ha mai passato il vaglio dell’osservazione diretta
    La teoria di Darwin sull’evoluzione delle specie è affascinante. Fornisce una possibile risposta alla domanda: da dove veniamo? In realtà è una risposta incompleta perché si limita a spostare indie...
    Pubblicata il:25/04/2022
    I FORAMINIFERI
    La natura è animata da una sorta di crudeltà selettiva, potremmo dire crudeltà innocente
    Le estinzioni di massa sono una costante nella storia paleontologica della terra ed I così detti marker dei diversi periodi geologici sono le tanatocenosi dei foraminiferi.
    Pubblicata il:25/04/2022
    IL PRIMO MAGGIO
    mi chiedo quale sia oggi la dignità del lavoro
    Buon primo maggio ragazzi! Cerchiamo di goderci una festa che è di coloro che lavorano, andiamo tutti ad un bel concerto, tra alcoolici, comizi di sindacalisti eccellenti e donne un po’ discinte, c...
    Pubblicata il:09/05/2022
    Intervista a Stefano Torre di DeVulgare
    Il noto blog DeVulgare mi ha intervistato sulla relazione tra Realismo Terminale e dialetto
    Abbiamo intervistato per voi il poeta Stefano Torre, che tra i vari componimenti conta anche alcune poesie in lingua piacentina. Candidato anche a sindaco di Piacenza, aderisce al Realismo Terminal...
    Pubblicata il:09/05/2022
    L’ANESTESIA
    la società senza dolore
    Vi sarete ben resi conto del fatto che la nostra società stia cercando di abolire il dolore, sia quello fisico che quello ontico, ovvero morale, che poi è il dolore dell’anima.
    Pubblicata il:22/03/2022
    L’ANIMA NON ESISTE
    il pensiero nichilista contemporaneo è che parte dal presupposto che l’anima non esista.
    Il problema del pensiero nichilista contemporaneo è che parte dal presupposto che l’anima non esista. Dopo decine di millenni a porsi il problema dell’anima, arriva qualcuno e la cancella con un co...
    Pubblicata il:22/03/2022
    LA PAURA
    La paura è la più forte delle emozioni umane.
    Quando si ha paura non si riesce più a razionalizzare nulla, la logica smette di essere l’elemento fondante del nostro pensiero e qualunque cosa può diventare spaventosa.
    Pubblicata il:22/03/2022
    LA RESPONSABILITÀ
    abbiamo modificato il concetto di libertà da libertà di scegliere a libertà di rinnegare le scelte
    La linea del tempo che accompagna il nostro pensiero, soprattutto quando cerchiamo di capire noi stessi, dovrebbe avere ben chiaro cosa è stato il nostro passato, cosa è il presente e cosa sarà o p...
    Pubblicata il:22/03/2022
    LA SPIRITUALITÀ
    Orbene ragazzi, la spiritualità è un pane da mangiare spesso. Nel senso che il nutrire se stessi con un po’ di trascendenza non risolve ma aiuta.
    Pubblicata il:25/04/2022
    PASQUA 2022 – IL DOLORE
    Siamo mendicanti d’amore
    La croce di Cristo è amore allo stato puro, anche se ho imparato che ci vuole tempo per capirlo, tanto tempo.
    Pubblicata il:25/04/2022
    SOCIETÀ LIQUIDA E NICHILISMO
    Zygmunt Baumann è un sociologo che teorizza il postmodernismo e la società liquida, nella quale, per dirla con le parole del Baumann, “il cambiamento è l'unica cosa permanente e l'incertezza è l'un...
    Pubblicata il:12/05/2022
© Tutti i diritti sono riservati
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
- A +