lunedì 15 luglio 2024

PETRA

poesia inserita nella raccolta TERRASANTA

PETRA

PETRA

a un tratto del cammino nella crepa
tra rocce che paiono schiacciarti
si manifesta come se infin fosse
una metafora dell'esistenza

 scolpita nella parete di roccia
luminosa della luce del sole
è come il desiderio d'infinito
che ti prende quando guardi le stelle

poi vedi lo spiazzo di sabbia gremito
di venditori ambulanti e cammelli
e di voci beduine che chiamano
per riportarti nel tempo presente

e Bon!

SINOSSI


La poesia "Petra" di Stefano Torre offre una suggestiva descrizione di un momento di profonda contemplazione nella antica città di Petra, che fu la capitale dei Nabatei e oggi si trova in Giordania. La narrazione si apre con la visione di una crepa tra le maestose rocce di Petra, una fessura che sembra quasi stringere il poeta. In questo spazio ristretto, improvvisamente si materializza un simbolo che diventa metafora dell'esistenza stessa.

La parete di roccia illuminata dalla luce del sole diventa il palcoscenico di questa rivelazione, simboleggiante il desiderio di infinito. Questa apertura nella roccia diventa una finestra verso l'eternità, un momento di illuminazione interiore che interrompe l'oscurità della limitatezza umana. La contemplazione di questa fessura, illuminata dalla luce solare, evoca sensazioni di meraviglia simili a quelle provate contemplando le stelle nel cielo notturno.

Tuttavia, l'atmosfera contemplativa subisce una brusca interruzione quando il poeta ci trasporta in uno spiazzo di sabbia all'interno di Petra. Questo scenario vivace è animato da venditori ambulanti, cammelli e voci dei beduini, offrendo un contrasto con l'esperienza trascendentale descritta precedentemente. La vita quotidiana e la dimensione pratica della città antica si mescolano alla riflessione metafisica, creando una dualità di esperienze.

La parola esclamativa "Bon!" alla fine della poesia può essere interpretata come un ritorno improvviso alla realtà quotidiana o come un segno di accettazione e apprezzamento per entrambe le dimensioni, sia quella contemplativa che quella pratica della vita a Petra. Questa conclusione suggerisce una sorta di equilibrio tra il desiderio di trascendenza e l'accettazione della realtà circostante, creando un'armonia tra il divino e il quotidiano all'interno delle antiche rovine di Petra.

In sintesi, "Petra" di Stefano Torre offre una visione poetica e suggestiva della antica città nabatea, trasportando il lettore attraverso una dualità di esperienze tra la contemplazione delle meraviglie eteree e la vita vibrante della città antica. La poesia invita a esplorare il confine tra ciò che è eterno e ciò che è tangibile, offrendo uno spazio di riflessione e accettazione nella complessità della storia e della vita umana.




Visualizzazioni: 298
Altre Pagine sull'argomento
    ECCE HOMO
    ECCE HOMO gli occhi di Dio che guardano i tuoi dalla foto del santo incoronato come su un panno di filo di bisso che riemerge dal profondo del mare ed è l’amor del fato a dargli mossa nulla di dive...
    Pubblicata il:03/02/2024
    IL REGNO DEI CIELI
    Poesia esergo della raccolta IL CANTORE D'INFINITO di Stefano Torre
    Il regno dei cieli è un tesoro nascosto in un campo quando lo trovi corri a vendere tutto tutto quel che hai per riuscire a comprare quel campo è simile ad una rete nel mare che raccoglie pesci buo...
    Pubblicata il:22/01/2024
    LA BATTAGLIA
    poesia inserita nella raccolta IL CANTORE DI INFINITO
    LA BATTAGLIA vedo levarsi oltre il colle la guerra stendardi e bagliori e tuoni scarlatti ed ali spennate di angelo in volo cadere giù per fracassarsi a terra
    Pubblicata il:23/01/2024
    LE NOZZE DI CANA
    poesia tratta dalla raccolta IL CANTORE D'INFINITO
    LE NOZZE DI CANA la bellezza che sta come una gemma nei ricordi di anni con mia moglie scivola sopra le guance e il viso come goccia d'ambra fossilizzata ed è struggente il contemplarli ancora e in...
    Pubblicata il:23/01/2024
    OGNI VOLTA
    Poesia inserita nelle raccolta IL CANTORE D'INFINITO di Stefano Torre
    OGNI VOLTA esiste un fiore chiamato sorriso così bello da volerlo cogliere per poterlo guardare ogni mattina sul davanzale della tua finestra ma un fiore che hai reciso poi avvizzisce rammollisce e...
    Pubblicata il:20/11/2023
© Tutti i diritti sono riservati
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
- A +