lunedì 15 luglio 2024
  • » Poesie
  • » LE NOZZE DI CANA

LE NOZZE DI CANA

poesia tratta dalla raccolta IL CANTORE D'INFINITO

LE NOZZE DI CANA

LE NOZZE DI CANA

la bellezza che sta come una gemma
nei ricordi di anni con mia moglie
scivola sopra le guance e il viso
come goccia d'ambra fossilizzata

ed è struggente il contemplarli ancora
e intendere che sono dentro di me
come la nostalgia che recano
senza del mio cuore fare strazio

l’atto del ripudio che ti espone
diviene così via di salvezza
come una candela in cui risplende
la gemma custodita nel mio cuore

e Bon!



Commento

"Le Nozze di Cana" di Stefano Torre è una poesia intrisa di nostalgia e di una bellezza che si fossilizza nei ricordi. Il poeta celebra la bellezza che, come una gemma, si conserva nei ricordi degli anni trascorsi con la moglie, assumendo la forma di gocce d'ambra fossilizzate. L'immagine dell'ambra, materiale prezioso e antico, suggerisce un senso di immortalità e di eternità che permea l'amore vissuto.

La poesia evoca la visione struggente della bellezza che si riflette sul viso della moglie, scivolando dolcemente sulle guance. La metafora delle gocce d'ambra fossilizzate suggerisce che questa bellezza è diventata parte integrante del passato, conservata come un tesoro prezioso. La fossilizzazione, in questo contesto, rappresenta la conservazione di momenti e emozioni uniche nel tempo.

Il poeta, contemplando questi ricordi, riflette sulla loro presenza indelebile dentro di lui. La bellezza e la nostalgia rappresentano un patrimonio emotivo che si insinua profondamente nel cuore, diventando parte integrante dell'essenza stessa dell'individuo. La bellezza diviene così un elemento che non solo si sperimenta ma che si custodisce con amore e devozione.

La poesia tocca anche il tema dell'atto del ripudio, un gesto che di solito evoca dolore e divisione. Tuttavia, nella prospettiva del poeta, questo atto assume una dimensione diversa: diviene una via di salvezza. Questa interpretazione contrasta con l'idea comune di un ripudio come un'azione dolorosa, suggerendo che la separazione può portare a una liberazione e a una rinascita spirituale.

Il riferimento alla candela in cui risplende la gemma custodita nel cuore aggiunge un ulteriore strato di simbolismo. La candela, simbolo di luce e speranza, rappresenta la possibilità di ravvivare la bellezza custodita nel cuore, anche attraverso le fiamme delle sfide e delle separazioni. La gemma, nella sua brillantezza, continua a risplendere, illuminando il cammino anche nei momenti difficili.

La chiusura della poesia con l'espressione "E Bon!" aggiunge un tocco di leggerezza e conclusione alla riflessione. In dialetto piacentino, questa espressione può significare "FINE", "BASTA", ma anche "AMEN". Questa chiusura dona un senso di compiutezza alla poesia, sottolineando la rassegnazione e la serenità nell'accettare il fluire della vita e delle emozioni.

In definitiva, "Le Nozze di Cana" di Stefano Torre è una poesia che cattura la bellezza intrinseca della vita, con le sue gioie e le sue sfide. Attraverso un linguaggio poetico ricco di simbolismi, il poeta trasmette un messaggio di speranza, di custodia affettuosa dei ricordi e di accettazione serena del destino.



Visualizzazioni: 142
Altre Pagine sull'argomento
    ECCE HOMO
    ECCE HOMO gli occhi di Dio che guardano i tuoi dalla foto del santo incoronato come su un panno di filo di bisso che riemerge dal profondo del mare ed è l’amor del fato a dargli mossa nulla di dive...
    Pubblicata il:03/02/2024
    IL REGNO DEI CIELI
    Poesia esergo della raccolta IL CANTORE D'INFINITO di Stefano Torre
    Il regno dei cieli è un tesoro nascosto in un campo quando lo trovi corri a vendere tutto tutto quel che hai per riuscire a comprare quel campo è simile ad una rete nel mare che raccoglie pesci buo...
    Pubblicata il:22/01/2024
    LA BATTAGLIA
    poesia inserita nella raccolta IL CANTORE DI INFINITO
    LA BATTAGLIA vedo levarsi oltre il colle la guerra stendardi e bagliori e tuoni scarlatti ed ali spennate di angelo in volo cadere giù per fracassarsi a terra
    Pubblicata il:23/01/2024
    OGNI VOLTA
    Poesia inserita nelle raccolta IL CANTORE D'INFINITO di Stefano Torre
    OGNI VOLTA esiste un fiore chiamato sorriso così bello da volerlo cogliere per poterlo guardare ogni mattina sul davanzale della tua finestra ma un fiore che hai reciso poi avvizzisce rammollisce e...
    Pubblicata il:20/11/2023
    PETRA
    poesia inserita nella raccolta TERRASANTA
    a un tratto del cammino nella crepa tra rocce che paiono schiacciarti si manifesta come se infin fosse una metafora dell'esistenza
    Pubblicata il:26/01/2024
© Tutti i diritti sono riservati
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
- A +