sabato 7 dicembre 2019
  • » Poesie
  • » Essere NESSUNO, a Ravenna alla la tomba di Dante

Essere NESSUNO, a Ravenna alla la tomba di Dante

Il nove novembre del ventidiciannove, con altri guerrieri impavidi sono stato alla tomba di Dante Alighieri.

Essere NESSUNO, a Ravenna alla la tomba di Dante

Andare in pellegrinaggio nei panni di un Nessuno. Non generale o capo popolo, non più io, semplicemente uno dei tanti. Così deve essere: la storia la fanno le moltitudini, non i condottieri, anche se poi alla fine sono quelli di cui si ricordano i posteri.

Le armi sono le parole che nella poesia diventano taglienti e acuminate, diventano capaci di far riflettere perché non parlano agli uomini ma alle loro anime.

Si combatte per la Poesia e quel che rappresenta, perché il poeta, nelle sue contraddizioni infinite, è colui che ha conservato un briciolo di lucidità, quando tutti attorno a lui sono ubriachi.

Si combatte con la poesia, per restituire all’uomo il suo senso, la sua armonia nell’universo, il suo ruolo nel cosmo con la giusta distanza dalle stelle.

Quindi ho preso il mio bastone, lo stesso che usai a Firenze, comprato a pochi euro in un grande magazzino di roba cinese, e son partito, consapevole della fatica che avrei fatto e consapevole della grandezza di ciò che stava per accadere.

E Via! A camminate in fila indiana, come un serpente, per le vie di quella che fu capitale imperiale, ognuno col suo manifesto blu con sopra una poesia, dal Mausoleo di Teodorico alla tomba di Dante.

E là, Giampiero Neri e Guido Oldani, collegati al telefono hanno recitato poesie con la voce di Massimo Silvotti, e Filippo Ravizza, ha declamato il suo manifesto in difesa della lingua italiana. E noi, quelli che hanno avuto il coraggio di farlo, a recitare versi.

Il fluido magico della poesia ha riempito l’aria, dalle ossa di Dante, alle nostre voci, in un turbine inebriante di sensazioni che solo la poesia riesce a dare.

Come eroi in una pugna, i molti NESSUNO hanno vinto.


Visualizzazioni: 119
Altre Pagine sull'argomento
  • Forse un mattino andando
    Credere nei propri valori e difenderli dal nulla che avanza
    Io credo nei valori, credo nella Famiglia, nel matrimonio, nell’amicizia, credo nella lealtà, nella generosità nella umiltà, ci credo a tal punto che penso che si possa anche morire pur di mantener...
    Pubblicata il:05/10/2019
  • Ieri a Firenze c’era la polizia.
    Il corteo di poeti per le vie del centro di Firenze aveva bisogno di una scorta
    Il corteo dei poeti che si è mosso da piazza Santa Maria Novella a Piazza Santa Croce, passando come un serpente ebbro, per la vie del centro della città di dante, è stato scortato da polizia e vig...
    Pubblicata il:15/09/2019
  • Perché domani andrò a Firenze alla marcia dei poeti
    La marcia dei poeti a Firenze è a sostegno del piccolo museo della poesia, incolmabili fenditure, che rischia di chiudere.
    L’incolmabile fenditura tra parola e realtà, tra parola e verità, è diventata una voragine, ed a noi, uomini che hanno vissuto tra passato e futuro, che hanno visto il mondo cambiare da società rur...
    Pubblicata il:13/09/2019
  • Sabato a Ravenna ci sarà la Marcia dei Poeti
    Dal mausoleo di Teodorico alla Tomba di Dante per manifestare a favore del Piccolo Museo della Poesia
    Dal mausoleo di Teodorico alla Tomba di Dante per manifestare a favore del Piccolo Museo della Poesia, Andare a Ravenna a MANIFESTARE sotto la tomba di DANTE ALIGHIERI, a favore della POESIA, è un ...
    Pubblicata il:04/11/2019
© Tutti i diritti sono riservati
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
- A +