venerdì 19 aprile 2024

Prefazione all’Ultima Preghiera

l’impotenza collettiva di amore

Prefazione all’Ultima Preghiera

Prefazione all’Ultima Preghiera

l’impotenza collettiva di amore

Di Padre Nicola Albanesi, (teologo, Rettore del Collegio Alberoni)

Leggere poesie è una avventura dello spirito. esige attenzione, rispetto, disponibilità a lasciarsi condurre in zone non perfettamente conosciute, se non, addirittura ignote.

I testi Di Stefano Torre possiedono la qualità di catturare immediatamente l’attenzione del lettore. I versi sciolti in endecasillabi si snodano facilmente in un periodare breve e musicale. Hanno ritmo. Non ci sono pause. Il lettore deve arrivare alla fine e vuole arrivarci il prima possibile.

In questo movimento la scrittura prende il sopravvento, conquista lo spazio e invade il campo del lettore. L’immaginario interiore dell’autore si svela e si offre. Ma qui, la facilità di lettura prima vista, cede il passo alla difficoltà di comprensione piena.

Accidenti, Stefano, che vuoi dire? Perché quella citazione colta? Perché quel riferimento non ordinario? Dove sei?

“Ardua cosa è capire come funzionino i poeti”, disse un giorno Hannah Arendt a proposito di Bertold Brecht. Stefano non sfugge a questa regola. Non rimane allora che cimentarsi con i suoi scritti, unico medium per raggiungere la sua interiorità. Sì, perché di questo si tratta: della sua interiorità, che vuol farsi largo ed emergere in tutta la sua complessità, compresi i lati ambivalenti e contraddittori.

Stefano evoca uno scenario fallimentare: l’impotenza collettiva di amore. Nei mali dell’umanità si manifesta quella riserva di satanicità annunciata da Dostoevskij. La luce della fede però irrompe e squarcia l’orizzonte tetro. Il sognare altri mondi da popolare di nuovo, quasi per ricominciare daccapo, denuncia il desiderio di un’altra vita, quella del mondo nuovo che ci attende alla fine dei tempi.

C’è anche una nostalgia di valori promessi e conosciuti un tempo, nell’età dell’oro dell’infanzia, e un gran desiderio di ritrovarli nel futuro della piena maturità e compimento.

In mezzo c’è una lacerazione profonda, una spaccatura, una ferita aperta. È questo che rende i suoi scritti interessanti. L’esperienza che li segna è quella di una innocenza perduta.

Stefano invita il lettore a leggere le reazioni del suo io, una specie di geroglifico che rischia di rimanere inesprimibile se non viene detto attraverso i versi. Si apre allora tutto un mondo sotterraneo dove l’autore conduce il lettore a percorrere il labirinto delle sue passioni ed emozioni. Per usare una immagine cara ai romantici, Stefano ci mostra le due facce della stessa Luna. Alla faccia illuminata dal Sole, della vita ordinaria, della razionalità diurna, si aggiunge la faccia oscura della Luna, che è sempre la stessa, della trasgressione (superamento del limite), della perversione (corruzione), dell’abisso (fondo senza fondo) che è il proprio io.

L’ordine intellegibile delle cose si decompone, si sfalda lasciando erompere strane e spaventose figure, nuove terribili forze di gravità. Il mondo delle emozioni emerge in tutta la sua violenza e viene diretto dalla “razionalità notturna” che riplasma il vissuto, che combina gli elementi, gli eventi, gli agenti della vita cosciente secondo altre leggi e altre logiche. Qui c’è tutta una sensibilità che, attraverso la poesia, penetra e abita la contraddizione cercando di sciogliere l’enigma della propria esistenza.

Scrivere diventa allora un atto terapeutico e maieutico, un esercizio di attenzione alla scoperta della bellezza nascosta della vita. Scrivere è anzitutto questione di fedeltà assoluta verso sé stessi ed il proprio destino. E leggere significa scoprire un altro mondo.

Mir spastët krasota: la bellezza salverà la terra!

È su queste parole di Dostoevskij che Pasternak fonderà la sua poetica. In una famosa pagina del suo Dottor Zivago manifesta tutta quella fiducia illimitata nel potere che possiede la “bellezza” nel cambiare la vita dell’uomo.

“E voi credete che il mondo sarà salvato dalla bellezza, dal mistero e cose del genere? Aspettate - la risposta - ve lo dico io quello che penso. Penso che se la belva che dorme nell’uomo si potesse fermare con una minaccia, la minaccia della prigione o del castigo d’oltretomba, poco importa quale, l’emblema più alto dell’umanità sarebbe un domatore da circo con la frusta e non un profeta che ha sacrificato se stesso. Ma la questione sta in questo, che, per secoli, non il bastone ma una musica ha posto l’uomo al di sopra della bestia e l’ha portato in alto: una musica, l’irresistibile forza della verità disarmata, il potere d’attrazione del suo esempio.”

Che la musica (la ricerca dei valori assoluti) e la realtà quotidiana non si oppongano è la scommessa su cui si gioca la fecondità di ogni ricerca umana.

Buona esplorazione!

P. Nicola Albanesi C.M.


Visualizzazioni: 197
Altre Pagine sull'argomento
    LE PROFEEZIE DI STEFANO TORRE PREMIATE A SENIGALLIA
    L’ultima Preghiera è il frutto della conversione del poeta piacentino: “Nella fede ho trovato il gancio per ricominciare a vivere”
    “Ho messo in discussione il mio ateismo quando ho iniziato a desiderare l'infinito” – afferma l'autore – “un trauma mi ha portato a toccare il fondo e a quel punto ho trovato nella fede il gancio p...
    Pubblicata il:10/11/2023
    L'ORIZZONTE DEGLI EVENTI
    Siamo solo razionalità o esiste qualcos'altro in noi che produce pensiero?
    Il problema è che, nella narrativa contemporanea, siamo arrivati a porre l'uomo al confine tra il nulla e l'universo, sull'orizzonte degli eventi, ovvero quel limite oltre al quale un buco nero att...
    Pubblicata il:20/11/2023
    Lucente luna d'acciaio per senni e oggetti perduti
    Mostra di Brunivo Buttarelli alla università Cattolica di Milano
    La mostra sarà arricchita dalla presentazione del catalogo della mostra contenente poesie Realiste Terminali scritte da alcuni tra i poeti più in vista del movimento.
    Pubblicata il:03/03/2023
    L'ultima Preghiera
    È un’opera in poesia non comune e coraggiosa. Si articola in sette libri, ognuno di quali contiene un incipit, dieci profezie ed una preghiera, non è quindi una semplice raccolta di poesie ma un ve...
    Pubblicata il:01/09/2023
    SENZA FOLLIA NON C’È BELLEZZA
    Bellezza e follia sono vecchie compagne, ebbe a dire Benjamin Franklin, l’una suscita l’altra e, qualche volta, viceversa, nel senso che vedere una cosa bella, ogni tanto, quando è molto bella, ren...
    Pubblicata il:13/05/2022
    SOCIETÀ LIQUIDA E NICHILISMO
    Zygmunt Baumann è un sociologo che teorizza il postmodernismo e la società liquida, nella quale, per dirla con le parole del Baumann, “il cambiamento è l'unica cosa permanente e l'incertezza è l'un...
    Pubblicata il:12/05/2022
© Tutti i diritti sono riservati
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
- A +