mercoledì 26 febbraio 2020
  • » Poesie
  • » Il presente mi guarda torvo e gracchia

Il presente mi guarda torvo e gracchia

(La distanza dalle stelle, 27.12.19)

Il presente mi guarda torvo e gracchia

Il presente mi guarda torvo e gracchia
come un corvaccio del malaugurio.
Così mi trovo a misurare la distanza tra me e la mia vita,
e a scoprirla ogni minuto più grande.
Io sono il niente che inghiotte il tutto.

 Sono la grotta sotto la casa,
coi graffiti dei bufali sui muri e piena di ossa,
archetipi orribili,
teschi abnormi nascosti lì,
in attesa d’essere trovati.

 Sono la nube disintegrata dal calore del deserto.
Un attimo di sole velato da speranza di pioggia
E poi più nulla, solo un cielo bianco come il latte
Torrido come ferro arroventato,
Come un mantello di fuoco che brucia la carne.

 Sono la nebulosa nel firmamento,
Relitto di supernova senza forma,
con una minuscola stella impazzita nel centro
Che pulsa come un cuore
D’una tachicardia folle
In uno spazio interminato,
In un silenzio sovrumano,
In una quiete profondissima,

In un pensiero annegato nel mare.


Visualizzazioni: 58
© Tutti i diritti sono riservati
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
- A +