giovedì 14 novembre 2019

Essere l'erede al trono di Danimarca comporta responsabilità gravi

Siccome Amleto ebbe a ricoprire, prima di me, questo ruolo, la sua eredità mi impone di pormi domande

Essere l'erede al trono di Danimarca comporta responsabilità gravi
Da quando sono erede al Trono di Danimarca,
Mi vengono un sacco di dubbi,
Essere Principe comporta responsabilità gravi. 
Nulla è più scontato, nessuna verità è vera, nessun torto, 
Nessuna ragione, nessun tutto e nessun niente può esser tale, 
E l'infinito mi sta sul palmo di una mano!

Forse è bene fare una pausa per pensare

Forse è bene fare una pausa per pensare, una pausa da dedicare alla meditazione. Iniziare un percorso di realismo terminale, nelle mie condizioni, è impresa veramente improba, perché l’oggi impone, quasi fosse di moda, di avere un ex marito o una ex moglie, ed io vesto male i panni di colui che accetta di avere una ex moglie. Insomma, sto vivendo in modo drammatico, quasi tragico, l’essere diventato un ex marito.

Ma al di là di avere parecchi dubbi sul fatto che i nipoti di mia moglie siano ancora miei nipoti, o se non sia che siano diventati ex nipoti, ed i cugini idem, ex cugini, credo che si possa utilizzare il realismo terminale anche in una maniera non alla moda.

Il realismo terminale

Il fatto è che il realismo terminale, per come lo ha concepito Guido Oldani, e per come lo hanno elaborato anche altri pensatori, è completamente privo di un giudizio sul tempo che racconta. Semplicemente prende atto del distacco tra uomo e natura, e lo spinge fino al constatare l’allontanamento tra uomo e natura umana.

L’andare oltre la constatazione è ciò che i poeti o i pensatori, o gli artisti, aggiungono al mondo nuovo nel quale oggetto e soggetto sono invertiti ab origine.

Se, quindi, una separazione coniugale, per quanto malcondotta e lacerante sia, resta una delle tante, l’espressione di un giudizio, usando le metafore proprie del realismo terminale, diventa possibile.

C’è poesia dentro la disperazione

Più che un giudizio morale, il mio desiderio è quello di narrare un dramma, ed in esso scoprire che c’è poesia dentro la disperazione.

Mi hai dimenticato, come un ombrello al bar

Sono i due versi di rara intensità emotiva, che una anonima assistente di non so quale materia all’accademia di belle arti di Brera, ha regalato ad Oldani, e che lui ha riproposto in un discorso al Piccolo Museo della Poesia di Piacenza.

Due versi che hanno dentro tutta la mia vita.



Visualizzazioni: 41
Altre Pagine sull'argomento
  • C’è del marcio in Danimarca
    C’è del marcio dappertutto ragazzi, tutto puzza come una discarica di Calcutta!
    Tutti i dubbi esistenziali che prendono il principe di Danimarca, meritano il nostro rispetto! Perché Amleto non scherza ..... ora mi toccherà anche cambiare nome! però Amleto Torre non mi dispiace
    Pubblicata il:03/10/2019
  • Essere o non Essere
    Il dilemma è questo: se sia più nobile tollerar le percosse e gli strali di una sorte oltraggiosa, oppure levarci a combattere tutti i nostri triboli.
    Il ruolo di Principe di Danimarca mi porta ad interrogarmi sul senso della vita. I Dubbi e le Domande che mi assillano la mente sono tanti, e la mia strada si confonde nella nebbia fitta. E quando ...
    Pubblicata il:03/10/2019
  • Forse un mattino andando
    Credere nei propri valori e difenderli dal nulla che avanza
    Io credo nei valori, credo nella Famiglia, nel matrimonio, nell’amicizia, credo nella lealtà, nella generosità nella umiltà, ci credo a tal punto che penso che si possa anche morire pur di mantener...
    Pubblicata il:05/10/2019
  • Libera Nos a Malo
    I tramonti della Danimarca e i panorami di pianura
    Certi tramonti in Danimarca non ci sono, ma io non sono danese, anche se la mia cuglinanza con la Regina mi pone primo in linea di successione, io sono di Piacenza.
    Pubblicata il:04/10/2019
  • Memento Mori
    Ricordati che devi morire
    Memento Mori, ricordati che devi morire, il detto di cui Girolamo Savonarola fece una bandiera ed al quale mio cugino Paolo Cavallari si rifà, nell’affermare che la vera malattia incurabile che aff...
    Pubblicata il:03/10/2019
  • Mi chiedo se sia il Tramonto, oppure sia l’Alba
    Certi dubbi non li aveva nemmeno Amleto, che pure di dubbi se ne intendeva.
    Certi dubbi non li aveva nemmeno Amleto, che pure di dubbi se ne intendeva. Ma in questo momento io sono il Principe di Danimarca! Non so dire se sia la fine oppure un inizio, oppure le due cose as...
    Pubblicata il:03/10/2019
  • Sursum Corda
    In alto i nostri cuori
    Ragazzi, le verità sono relative, non esistono l'ingiustizia e la giustizia, vi hanno ipnotizzati fino a rendervi incapaci di riconoscere il vero dal falso, e tutto diventa relativo. Così gente che...
    Pubblicata il:03/10/2019
© Tutti i diritti sono riservati
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
- A +