giovedì 14 novembre 2019

L’Italia in verde

I Simboli nazionali che vengono abbattuti come quando cambia il regime

L’Italia in verde

I simboli nazionali resistono ancora, nonostante tutto, ma poco per volta vengono svuotati di significato.

Lo Sport, che è l’elemento più popolare della cultura collettiva, perché è condiviso da tutti, indipendentemente dal censo o dal titolo di studio, o dalle condizioni fisiche, è ciò che più facilmente rappresenta ed aggrega lo spirito di una nazione.

Così quando la Nazionale di calcio gioca le partite che contano, in milioni si mettono davanti alla televisione per guardare l’Italia e gioire, oppure disperarsi.

E nel parteggiare, o Tifare, come si dice in gergo giornalistico, per la nostra nazionale, accende il nostro senso di appartenenza ad una comunità che è nazione.

A livello simbolico non v’è nulla di più forte della nazionale di calcio, neppure il monumento al milite ignoto riesce a tenergli testa.

In pochi lo sanno, ma il colore azzurro delle squadre sportive nazionali è il colore quello della casata dei Savoia. È un simbolo monarchico passato indenne attraverso la costituente repubblicana come se niente fosse, senza che nessuno dicesse che quell’azzurro era da eliminare così come veniva eliminato il Re.

Ma la simbologia insita nello sport e nelle sue iconografie, va oltre il particolare e diventa sempre, quando si parla di rappresentare un paese in una competizione internazionale, elemento coagulante per il popolo tutto. Ed è il motivo per il quale il colore delle divise della nostre squadre nazionali non è cambiato nemmeno di fronte ad un cambiamento epocale del nostro paese.

Oltretutto ai mondiali del ’38 in Francia, la maglia della nazionale di calcio, fu l’oggetto di una disputa istituzionale, della quale si parla assai poco, ma che non passò per nulla inosservata.

Mussolini, capo del governo, impose alla squadra italiana di giocare in divisa nera, ovvero il colore del fascismo..

L’inno nazionale era la marcia Reale, e si respirava un clima pesantissimo, anti fascista ed anti italiano. Gli stadi erano pieni di italiani scappati all’estero, che contestavano a gran voce quella squadra in camicia nera e che faceva il saluto romano.

Poi il Re, che non aveva affatto preso bene il colore di quella maglia, andò personalmente in Francia per far cambiare la divisa agli azzurri nella finalissima contro l’Ungheria.

Ed ora, dopo anni di azzurro, l’Italia del calcio ha sfoggiato una divisa verde contro la Grecia sulla quale non era presente nemmeno lo scudetto tricolore ma una strana cosa bicolore verde e gialla al suo posto.

Io mi chiedo se sia qualche rincoglionito in federazione ad aver deciso di far indossare sta maglia, o se sia un preordinato disegno di demolizione dei simboli identitari del popolo, italiano in questo caso, ma potrebbe valere per qualunque altro.

A voler ben vedere, qualcosa non mi torna nemmeno nella formula prevista per i prossimi campionati europei di calcio, che non avranno più una nazione ospitante ma semplicemente città 

europee che ospiteranno le partire, sparpagliate in 12 nazioni: la gara inaugurale a Roma, la finale a Londra, coinvolgendo città un po’ in tutti i paesi dall’Azerbaigian alla Germania, dall’Italia alla Russia.

Se fosse un tentativo di abbattere le barriere territoriali all’interno dell’UE, non coinvolgerebbe paesi praticamente asiatici tipo l’Azerbaigian o la Russia, o contrari al rimanere nell’Europa comunitaria come l'Inghilterra e la Scozia. Quindi è semplicemente la eliminazione della nazione ospitante, con tutto ciò che comportava a livello di emozione ed orgoglio per tutta la sua gente.

Succederà ancora, e succederà anche per manifestazioni molto più importanti, come i campionati del mondo o le olimpiadi.

Ci si sta arrivando per gradi, e come è successo per i campionati europei di calcio che hanno attraversato la fase della organizzazione condivisa tra più paesi, prima della polverizzazione totale, anche i mondiali hanno cominciato, sia nel calcio che nel Rugby a passare per l’organizzazione partecipata da più nazioni.

Mi pare evidente che il minare i simboli nazionali, stia passando anche attraverso lo sport che, in quanto simulacro incruento della guerra, è a livello simbolico la più alta espressione identitaria che un popolo possiede in tempo di pace.

E’ solo questione di tempo, un po’ per volta stanno evaporando le culture nazionali, le lingue, i simboli, e con queste se ne va anche una parte rilevante della nostra umanità.

A me la cosa preoccupa non poco, perché ragazzi, il confronto con le culture diverse è possibile solo quando si possiede integralmente la propria. Se non esiste più una cultura nazionale ma solo la poltiglia di una pseudo cultura internazionale, non riusciremo mai ad arricchirci nel confronto con il diverso, e finiremo con l’esserne annientati.


Visualizzazioni: 90
Altre Pagine sull'argomento
  • Facciamo Finta che
    Riflessioni di un principe demoralizzato
    Mauro Biglino è un filologo esperto in antiche lingue semitiche che ha, a più riprese, tradotto la Bibbia. Lui fa conferenze dicendo ogni volta: FACCIAMO FINTA CHE, la Bibbia non parli di dio, ma d...
    Pubblicata il:23/10/2019
  • I piccoli paesi
    Ciò che ha distrutto la narrazione contemporanea non è il paese ma la vicinanza tra le persone.
    Tanto tanto tempo fa, esistevano i piccoli paesi. Non erano tanto le dimensioni del centro abitato a farli piccoli, quanto il fatto che le persone si sentivano vicine le une alle altre.
    Pubblicata il:12/10/2019
  • La campagna pubblicitaria fatta con i postit
    Un vero colpo di genio del pensiero divergente
    Due righe il fuori tutto di Ricci Casa le merita per la originalità e il genio che contraddistinguono la sua campagna promozionale. Si tratta di un bigliettino tipo postit firmato da una certa Sara...
    Pubblicata il:07/08/2019
  • Le Solitudini Connesse
    Quale destino ci ha fatto ciechi? Quale malvagio ci ha tolto la guida?
    Siamo destinati a diventare una società di solitudini connesse? Parrebbe proprio di sì, anche se l’ultima parola sarà la storia a dirla. Quel che oggi possiamo tentare di fare è il disegnare alcuni...
    Pubblicata il:16/10/2019
  • Memento Mori
    Ricordati che devi morire
    Memento Mori, ricordati che devi morire, il detto di cui Girolamo Savonarola fece una bandiera ed al quale mio cugino Paolo Cavallari si rifà, nell’affermare che la vera malattia incurabile che aff...
    Pubblicata il:03/10/2019
  • Ragazzi mi fa male il mondo
    Rubo qualcosa a Gaber, ma ormai rubare è legalizzato
    Voglio vivere in una città in cui, all’ora dell’aperitivo, non ci siano spargimenti di sangue, o di detersivo. E poi voglio vivere in una città nella quale siano stranieri quelli di Gossolengo, o d...
    Pubblicata il:10/10/2019
  • Stefano Torre (io) ha presenziato al premio Senigalactica
    Assegnato a Senigallia il premio Senagalactica per la letteratura fantascientifica intitolato alla memoria del piacentino Vittorio Curtoni.
    Lo scorso 7 settembre a Senigallia, in provincia di Ancona, sono stati premiati i vincitori del premio di letteratura Fantascientifica Senagalactica “Dove stiamo Volando?”, dedicato alla memoria de...
    Pubblicata il:12/09/2019
  • Sursum Corda
    In alto i nostri cuori
    Ragazzi, le verità sono relative, non esistono l'ingiustizia e la giustizia, vi hanno ipnotizzati fino a rendervi incapaci di riconoscere il vero dal falso, e tutto diventa relativo. Così gente che...
    Pubblicata il:03/10/2019
  • Una pompa al BACLOFENE impiantata sulla colonna vertebrale
    Oggi mi hanno proposto sta roba dicendomi che così sarei veramente bionico, altro che adesso!
    Tutto perché il mio griff o la mia griff, dipende da chi ho davanti il fatto che venga chiamata al maschile o al femminile, secondo me perché non lo hanno ancora deciso se il griff è maschio o femm...
    Pubblicata il:09/10/2019
  • Uomini soli ma connessi
    Il problema del nostro tempo è l’illusione di avere relazioni.
    Il problema del nostro tempo è l’illusione di avere relazioni. Non mi interessa mettermi a contemplare la nostalgia dei tempi passati, mi interessa invece la constatazione che la società si stia tr...
    Pubblicata il:14/10/2019
© Tutti i diritti sono riservati
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
- A +