giovedì 22 ottobre 2020
  • » Punti di Vista
  • » La task force governativa anti fake news, in neo lingua significa la fine della libertà

La task force governativa anti fake news, in neo lingua significa la fine della libertà

Equivale ad istituire il ministero della verità e ad abolire la libertà di pensiero e di espressione

La task force governativa anti fake news, in neo lingua significa la fine della libertà
Questo post, mi rendo conto, è destinato a scatenare polemiche, ma non potevo tacere di fronte al rischio di illiberalità che stiamo correndo. Le idee devono poter essere espresse, è il sale della democrazia, e devono poterlo anche se sono abnormi, insensate, negazioniste, complottiste o terrapiattiste.
Così io la penso da sempre e chi mi segue lo sa bene; Considero i fascisti dei TOPI DI FOGNA ma considero una bestemmia impedir loro di esprimere una opinione, ammesso che non contenga istigazione a delinquere o apologia di reato.

---

In questi giorni ho riletto 1984 di GEOGE ORWELL.

Le somiglianze con il tempo presente sono tante e sono preoccupanti. Sono nel nostro modo di intendere politica e potere, sono nel nostro modi di pensare, incoerente e contraddittorio, sono nella constatazione che l’informazione main stream certe cose non le dice mai.

Ultimamente le televisioni si sono messe a trasmettere strani spot pubblicitari inquietanti, nei quali invitano a non fidarsi di quello che si vede sul web, e ammoniscono a che ci si affidi sempre e solo alla televisione o ai giornali che danno garanzia di serietà, come se quelli fossero scevri dal divulgare balle colossali.

Già l’AGICOM, ovvero l’agenzia italiana per il controllo della comunicazione, con la scusa del CORONA VIRUS aveva emesso un comunicato con il quale invitava i socia network ad oscurare qualunque post contenente cose inesatte, o incomplete, o non provenienti da fonti scientifiche accreditate.

Una cosa veramente grave, visto che non vengono definiti i confini tra ciò che è lecito pubblicare e ciò che non lo è, lasciando alla libera interpretazione di chi deve agire, la scelta tra buoni e cattivi.

Vi è poi la presa di posizione della commissione europea, che parla di una ondata di notizie false, tossiche e pericolose, con uno schema narrativo che prende di mira l’Europa.

Parla di evidenti ingerenze straniere, di Russia e Cina, tese a tentare una demolizione dell’unione, e nel contempo a migliorare l’immagine dei due paesi, prepotenti ed illiberali.

Quindi l’UE considera fake news ogni notizia o post nel quale si dice che l’Europa, l’Euro, e l’idea di comunione tra gli stati d’Europa, sia fallita.

A me che sono EUROPEISTA ma nel contempo oppositore consapevole della attuale UNIONE EUROPEA, questa cosa fa venire la pelle d’oca per quanto è illiberale e sottende totale mancanza di libertà.

Chi ha opinioni diverse dalle mie deve potersi confrontare con chi, viceversa, le ha simili, e magari convincerlo, o trovare un compromesso frutto di una mediazione e di un dibattito.

Fino a prova contraria, dire che l’Europa ha fallito, è una opinione assolutamente legittima. Dire che sarebbe meglio uscire dall’Unione non può essere ritenuta fake news. Siamo cioè di fronte alla ennesima dimostrazione di quanto illiberale sia l’unione disegnata dal trattato di Lisbona, con il potere nelle mani di un governo non eletto e con un parlamento che non può sfiduciarlo.

Dire che uscire dall’Euro è possibile e che, anzi, ne usciremmo rinvigoriti, pare sia una fake news, mentre potrebbe essere vero il contrario, cioè è una fake il dire che l’Italia se uscisse dall’euro cadrebbe in miseria.

Poi stamattina, come un ceffone, mi arriva la notizia della istituzione di una task force governativa anti fake news.

Non so se vi rendete conto, ma un manipolo di uomini probi, secondo l’ottica del governo, è messa al lavoro per stanare tanto chi diffonde notizie false, quanto chi si permette di avere un pensiero disarmonico rispetto al loro.

Il problema è che, quandanche i probi scelti fossero capaci di esprimere giudizi non dettati dalle loro opinioni e quindi oggettivi, la caccia ai bugiardi rischia di degenerare in una soppressione della libertà di esprimere un pensiero e quindi di pensare.

Nel momento in cui una simile task force diventasse operativa, si creerebbe un vulnus mai visto ai diritti garantiti costituzionalmente, al primo posto dei quali c’è la libertà di pensiero ed espressione.

Comunque Facebook ha iniziato a sfrondare, e pare che già abbia eliminato un centinaio di pagine di gruppi politici di estrema destra o anti europei.

Se la task force governativa, che non ha nulla da invidiare al MINISTERO DELLA VERITA’ di cui parla ORWELL il 1984, venisse davvero attivata, sarebbe la fine della democrazia.

Perché le opinioni devono essere contrastate dialetticamente, non negate. Se qualcuno la pensa in modo diverso da me deve potermi convincere del suo punto di vista. Le idee malate, o semplicemente fuori tempo, non attecchiscono e muoiono in modo naturale. Così è in democrazia, un luogo ideale nel quale spesso trionfa l’idea sbagliata, ma nel quale è possibile pensare che sia effettivamente sbagliata, ed impegnarsi a contrastarla.

La democrazia è un luogo nel quale è possibile l’essere disubbidienti alle leggi del branco, per andare in direzione ostinata e contraria, senza incorrere in nessuna censura.

Altrimenti torniamo al Geocentrismo anti Galileiano ed a Giordano Bruno.

Mi auguro che il presidente della repubblica si faccia sentire, ma temo che resterà zitto a contemplare lo scempio di quella costituzione che dovrebbe proteggere.


Visualizzazioni: 395
Altre Pagine sull'argomento
    AMOR VINCIT OMNIA
    Siamo entrati nella settimana santa, ovvero nel periodi più sacro dell’anno secondo la religione Cristiana
    Siamo entrati nella settimana santa, ovvero nel periodi più sacro dell’anno secondo la religione Cristiana. Ma non ci saranno messe pasquali, e neppure tutte le altre celebrazioni che i cristiani f...
    Pubblicata il:07/04/2020
    Carlo Taormina denuncia il primo Ministro Conte per Epidemia colposa ed omicidio plurimo.
    Depositata alla procura di Roma negli scorsi giorni, la denuncia ha raccolto più di un milione di firme di sostegno.
    Depositata alla procura di Roma negli scorsi giorni, la denuncia ha raccolto più di un milione di firme di sostegno.
    Pubblicata il:08/04/2020
    Forse un mattino andando
    Credere nei propri valori e difenderli dal nulla che avanza
    Io credo nei valori, credo nella Famiglia, nel matrimonio, nell’amicizia, credo nella lealtà, nella generosità nella umiltà, ci credo a tal punto che penso che si possa anche morire pur di mantener...
    Pubblicata il:05/10/2019
    I piccoli paesi
    Ciò che la narrazione contemporanea ha distrutto non è il piccolo paese ma la vicinanza tra le persone.
    Tanto tanto tempo fa, esistevano i piccoli paesi. Non erano tanto le dimensioni del centro abitato a farli piccoli, quanto il fatto che le persone si sentivano vicine le une alle altre.
    Pubblicata il:12/10/2019
    Il CoronaVirus è arrivato in città e ha cambiato la nostra vita
    Di punto in bianco è tutto fermo e il tempo scorre più lentamente
    Così il #CoronaVirus è arrivato anche a #Piacenza. Il modo con il quale è arrivato è dirompente, surreale, se non da panico vero e proprio, comunque in modo da creare inquietudine.
    Pubblicata il:26/02/2020
    IL MILLENIUM BUG
    tra nichilismo e realismo terminale profetizzare l’uomo che verrà
    Forse qualcuno ricorda i tempi nei quali si è scollinato il millennio. Si parlava di millenniun bug e ci si aspettava che il crinale del millennio producesse catastrofi nei sistemi elettronici, con...
    Pubblicata il:16/06/2020
    MICROCHIP E LIBERTA'
    il fantasma che incombe su tutti noi
    Indubbiamente quando e se sarà impiantato su ognuno di noi, segnerà il passaggio ad un altro tipo di società umana, nella quale verrà tracciata ogni nostra azione, ogni nostra frequentazione, ogni ...
    Pubblicata il:18/06/2020
    Qualche riflessione sulla epidemia di Corona Virus a Piacenza
    La Domenica delle Salme
    In emergenza capita che i numeri vengano rilevati in modo errato, come è successo in questo periodo. I tamponi per verificare la positività delle persone sono stati fatti un tanto al chilo, ed anch...
    Pubblicata il:06/04/2020
    Un Selfie con la Mascherina
    Così la smetteranno di guardarmi in cagnesco
    Finalmente ho trovato una mascherina in farmacia. Finalmente posso farmi un selfie con la faccia paludata, cosa che sinceramente mi mancava.
    Pubblicata il:06/04/2020
© Tutti i diritti sono riservati
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
- A +