domenica 18 aprile 2021

IL MILLENIUM BUG

tra nichilismo e realismo terminale profetizzare l’uomo che verrà

IL MILLENIUM BUG

Forse qualcuno ricorda i tempi nei quali si è scollinato il millennio.

Si parlava di millenniun bug e ci si aspettava che il crinale del millennio producesse catastrofi nei sistemi elettronici, con ripercussioni su tutti i sistemi che, nella vita di tutti i giorni, utilizzavano l’elettronica per funzionare. Treni, aerei, illuminazione pubblica, sistemi radar per la navigazione, semafori, insomma si diceva che il cambio di millennio sarebbe stato foriero di un disastro inaudito.

Il parallelo con l’anno mille fu inevitabile, e si spesero fiumi di inchiostro per narrare gli eventi di quel lontano cambio di millennio e per paragonarlo con questo.

Non successe nulla di catastrofico.

L’allarme fu lanciato per tempo e la capacità dei sistemi informatici di gestire le date di più millenni venne corretto, senza conseguenze sulla vita di tutti i giorni.

Se i sistemi computerizzati, che già avevano invaso tutta la nostra vita, ressero all’urto di quel “2” che compariva come prima cifra della data, così non fu per la società umana, che cambiò in modo sorprendente e molto velocemente.

IL CAMBIAMENTO ANTROPOLOGICO

Oggi anche i più riottosi ad accettare l’idea di un cambiamento antropologico sostanziale dell’uomo non possono che constatare il cambiamento avvenuto, sospingendoci oltre l’umanesimo, ed inserendoci in un mondo completamente artificiale.

Un mondo nel quale gli uomini per la grande maggioranza vivono nei grandi centri urbani, accatastati come cianfrusaglie in un banco dei pegni, senza più un vero e diretto contatto con la natura.

L’artificialità va oltre il semplice rapporto con gli oggetti, diventati il metro di paragone per valutare l’uomo, perché abbraccia ambiti del tutto inaspettati, finanche entrando nella sfera del pensiero filosofico e religioso.

IL DOMINIO DEGLI OGGETTI

Diciamo pure che gli oggetti dominano il mondo, e occupano una dimensione talmente estesa nel nostro quotidiano da aver fatto scomparire, nel nostro pensare, quelle belle metafore che rendevano gli occhi chiari come il cielo, la pelle liscia come una pesca, la paura nera come la notte.

Oggi gli occhi sono come una perla, la pelle è liscia come velluto, e la notte non c’è più, illuminata com’è da miriadi di lampioni che ci danno la sensazione che sia sempre giorno.

La similitudine rovesciata del Realismo Terminale non è che la constatazione di questo cambiamento.

Non è più la cosa, l’oggetto, che assomiglia alla natura, ma il contrario. Ciò vale anche per sentimenti e pulsioni, sempre di più pervasi da una artificialità, talvolta stucchevole, che di fatto finisce con lo spossessare l’uomo delle sue emozioni.

IL METRO PER MISURARE L’UOMO

Quel che è cambiato è il metro, ovvero ciò con cui viene misurato un uomo ed il suo valore.

Parlare di ricchezza monetaria, come di quella realtà che ha soppiantato i valori tradizionali, è oramai anacronistico, andava bene alla fine del secolo scorso. Oggi con l’avvento dell’idea della tecnica, che di fatto supera la residuale passione umana per il denaro, si è giunti a valutare l’uomo solamente per la sua produttività.

Fin che un uomo rimane efficiente e produttivo, può godere del diritto di cittadinanza all’interno della società umana, con il ruolo di funzionario di un apparato tecnico, diversamente viene espulso.

L’espulsione si concretizza, in extrema ratio, nella pillola per il suicidio, che già alcuni stati hanno iniziato a distribuire gratuitamente agli anziani, indipendentemente dal loro stato di salute, come strumento per eliminarli definitivamente dal sistema.

Del resto un anziano o un invalido, consumano risorse senza produrre nulla, e in un mondo regolato dalla legge della massima produttività con il minimo sforzo, la loro stessa esistenza produce danno.

È una mentalità che ha ancora qualche residuale forma di repulsione, ma che ormai è affermata nel pensiero dominante e che, ammantata di politicamente corretto, viene considerata come l’inevitabile punto di arrivo di un percorso di progresso.

COME SMORZARE LA NAUSEA

A smorzare il senso di nausea che ci produce ancora l’idea di eliminare i vecchi inadeguati a produrre, si fa strada il Trans Uomo, ovvero quell’essere che, grazie alla scienza, diventa capace di non morire mai.

Da ormai un decennio esistono stampanti in grado di produrre organi umani, biologici al 100% e perfettamente compatibili con il nostro DNA, esistono sistemi in grado di replicare la nostra memoria, e in grado, partendo dalle nostre cellule staminali, di mantenerci giovani per tempi ben più lunghi di quelli naturali.

In somma è all’orizzonte un uomo in grado di farsi beffe della morte.

Quindi ecco confezionata una realtà e la sua illusione compensativa, in grado di farci pensare che, tutto sommato, quel mondo disumano, dominato dalla tecnica, in cui siamo entrati, non sia poi così male.

Alla fine l’uomo ha bisogno degli altri, non può vivere in una perenne competizione con i suoi simili, senza perdere il senso del suo esistere, senza perdere l’essenza della sua natura.

Già oggi le depressioni curate in psicologia, sono per lo più cagionate dal senso di inadeguatezza futura, mentre nel secolo scorso erano determinate da sensi di colpa ed ancorate quindi al passato.

Non oso immaginare cosa potrà succedere in un mondo che ha come unici parametri di valutazione dell’uomo, la sua efficienza e la produttività, sarebbe un corto circuito di proporzioni immani.

Per ora siamo al prodromo di tutto ciò: la disintegrazione progressiva di quello che fino a pochissimi anni fa è stato capace di fare dell’uomo un essere sociale, ovvero la famiglia, gli affetti, l’amicizia, viene del tutto fatto a pezzi, fino a privarci del nostro naturale genere, maschile o femminile, ed a sancire come un diritto il potersi scegliere se maschio o femmina.

Si sta disfacendo quello che è stato il senso dell’esistere, finendo per ridurre in briciole ogni elucubrazione escatologica e teologica, ma anche etica e morale.

L’AVVENTO DEL NICHILISMO

Si nasce uscendo dal nulla, si vive e si muore ritornando nel nulla, e la vita stessa, interstizio tra due vuoti assoluti è nulla.

In somma, il pensiero nichilista ha preso il sopravvento, e ad esso occorre porre un contro altare, capace di fermare una degenerazione che rischia di essere auto distruttiva.

Il Nichilismo va compreso, non semplicemente esecrato, occorre che la nuova realtà artificiale nella quale l’uomo è immerso e della quale il nichilismo è figlio, venga metabolizzata per riuscire a trovare in essa la nostra umanità.

Già il ritrovare l’uomo in mezzo a questo caos, significherebbe porre una barriera al il nichilismo.

In questo il realismo terminale può essere uno strumento molto efficace, non per una descrizione dello stato di fatto, che in questo momento sarebbe ormai inutile, ma per capire quello che sta succedendo.

L’UOMO CIBERNETICO

Mentre nel nichilismo la prospettiva è il nulla, l’uomo realista terminale, del quale io sono specchio con le mie appendici robotiche, pur assomigliando sempre più ad una dinastia cibernetica, non coinciderà mai con essa, poiché sviluppa via via un contrasto, una propria identità ed una differenza invalicabili, che lo mantengono e lo manterranno inesorabilmente distante da quel nulla.

Io mi permetto di assomigliare ad un robot proprio perché è impossibile farmi coincidere con esso, esattamente come due linee che corrono parallele, impossibili da far collidere se non come ipotesi dell’infinito, irraggiungibile ed indimostrabile.

Il senso della Poesia, oggi è proprio questo: capire e non descrivere, fornire uno scenario profetico, nel quale l’uomo possa ritrovare se stesso pur rimanendo immerso in una artificialità sempre più spinta.

FUNZIONARI DI UN APPARATO TECNICO

Il baco del millennio ci ha cambiati profondamente, ci ha resi, da funzionari della specie quali eravamo, funzionari di un apparato tecnico, incapaci di provare empatia, compassione e pietà.

Sic et simpliciter, la psicanalisi, che fondava le sue basi nelle pulsioni e negli istinti, è diventata obsoleta.

Prima o poi l’uomo dovrà saltare fuori da questo miasma, la notte dovrà passare, ma non è detto che succeda presto.

LA PRETESA DI CAMBIARE IL MONDO

Quel che può fare li poeta di guerra dei nostri giorni è combattere usando le parole come armi, preparandosi a prenderle di santa ragione, oppure chiamarsi fuori dalla pugna e scrivere versi adatti a quel passato remoto che risale ad appena venti anni fa, ma senza la pretesa di dare qualcosa di utile ai suoi simili.

Come dice Guido Oldani: “se non hai la pretesa di cambiare il mondo, tanto vale non tentare di essere un poeta”




Visualizzazioni: 492
Altre Pagine sull'argomento
    La Distanza dalle Stelle
    ovvero il mio approdo al Realismo Terminale
    Poco per volta sto entrando nel REALISMO TERMINALE, ovvero quella corrente letteraria ed artistica, che vede Guido Oldani mossiere e protagonista, e che assegna agli oggetti il primato sulla cose n...
    Pubblicata il:18/04/2020
    La task force governativa anti fake news, in neo lingua significa la fine della libertà
    Equivale ad istituire il ministero della verità e ad abolire la libertà di pensiero e di espressione
    In questi giorni ho riletto 1984 di GEOGE ORWELL. Le somiglianze con il tempo presente sono tante e sono inquietanti. Sono nel nostro modo di intendere politica e potere, sono nel nostro modi di pe...
    Pubblicata il:06/04/2020
    MENDICANDO LA GRAZIA DI SAPER AMARE
    Della differenza tra amare e voler bene e del Piccolo Principe
    Se vuoi davvero farti del bene, interrogati non sul passato o sul futuro, ma esplora il tuo presente.
    Pubblicata il:22/09/2020
    MICROCHIP E LIBERTA'
    il fantasma che incombe su tutti noi
    Indubbiamente quando e se sarà impiantato su ognuno di noi, segnerà il passaggio ad un altro tipo di società umana, nella quale verrà tracciata ogni nostra azione, ogni nostra frequentazione, ogni ...
    Pubblicata il:18/06/2020
    NOSTALGIA E DESIDERIO
    l’abbraccio impossibile della Venere di Milo
    L’etimologia della parola nostalgia è greca, e mette assieme i termini: Nostos (ritorno) e algos (dolore). Si tratta quindi, da un punto di vista etimologico, di ricordo che causa dolore.
    Pubblicata il:10/10/2020
    Qualche riflessione sulla epidemia di Corona Virus a Piacenza
    La Domenica delle Salme
    In emergenza capita che i numeri vengano rilevati in modo errato, come è successo in questo periodo. I tamponi per verificare la positività delle persone sono stati fatti un tanto al chilo, ed anch...
    Pubblicata il:06/04/2020
    Realismo Terminale
    Le parole sono armi bianche, i versi del poeta, siccome arrivano al cuore bypassando a piè pari la razionalità, sono capaci di bucare le menti come proiettili di uranio impoverito, che sfondano la ...
    Pubblicata il:01/06/2020
    RICORDARE E DESIDERARE
    I due più forti motori dell’animo umano, che poco alla vota involvono nel nulla cui tende la società contemporanea.
    Il desiderio, che nella sua etimologia è la somma dei termini latini de e siderio, significa letteralmente: dalle stelle, è il principale motore dell’evoluzione umana poiché produce una tensione co...
    Pubblicata il:16/07/2020
    Un Selfie con la Mascherina
    Così la smetteranno di guardarmi in cagnesco
    Finalmente ho trovato una mascherina in farmacia. Finalmente posso farmi un selfie con la faccia paludata, cosa che sinceramente mi mancava.
    Pubblicata il:06/04/2020
© Tutti i diritti sono riservati
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
- A +