domenica 25 ottobre 2020
  • » Punti di Vista
  • » Il CoronaVirus è arrivato in città e ha cambiato la nostra vita

Il CoronaVirus è arrivato in città e ha cambiato la nostra vita

Di punto in bianco è tutto fermo e il tempo scorre più lentamente

Il CoronaVirus è arrivato in città e ha cambiato la nostra vita

Così il #CoronaVirus è arrivato anche a #Piacenza. Il modo con il quale è arrivato è dirompente, surreale, se non da panico vero e proprio, comunque in modo da creare inquietudine.

Le scuole sono state chiuse, è proibito fare riunioni, le discoteche sono chiuse, persino le feste private sono state interdette. Così le messe, le riunioni dei circoli ricreativi e le udienze nei tribunali sono state sospese.

Per ora è proibito entrare ed uscire dalla zona rossa, che comprende una serie di comuni nell’intorno di Codogno.

I supermercati sono stati presi d’assalto, gli scaffali sono vuoti, il prezzo delle mascherine e dei gel disinfettanti per le mani, è salito a livelli indecenti, e si vive con addosso un perenne filo di paura.

Una paura non ben definita, come un sottile malessere che accompagna il vedere le vie semideserte, i negozi con i commercianti sconsolati che ti guardano dalle vetrine, la gente che incontri che ti guarda male se tossisci.

Qualcosa non va, ed è ben di più di quello che sottende la peste che si sta abbattendo su di noi, probabilmente, sotto sotto, ci si rende conto di quanto sia malata la nostra società, e di quanto il fare una pausa per riflettere sia necessario.

Ma ritornando ai Tribunali che hanno sospeso le udienze, al di là del fatto che una giustizia che si ferma è cosa che sottende una gravità estrema della situazione, tra le altre è stata rimandata a fine maggio anche la mia comparizione per la ratifica dell’atto di separazione da mia moglie.

Non so come prenderla: da un lato la testa rimane attaccata al toro, dall’altro il non doppiare quel capo probabilmente mi impedisce di intravvedere un futuro diverso e nuovo. (e di annaspare in questo presente)

In somma, in questo clima strano, tra la gente che se ne sta per conto suo, il tempo passa con un ritmo molto più lento del normale, e la nostra mente è libera di andare dove normalmente non si addentra, mi trovo a struggermi al pensare a ciò che è stato ed al modo non bello con il quale è finito il mio matrimonio lasciandomi, di punto in bianco, da solo.

Ma sono solo come i tempi impongono, tanto per l’emergenza CoronaVirus, quanto per quello che la nostra società sta diventando. Un passo alla volta ci stiamo trasformando in uomini con l’illusione di bastare a noi stessi.

Non riusciamo più, sospinti da un vento di rinnovamento che ci riempie la testa, a dare il valore che dovrebbero avere ai nostri affetti, a chi ci è vicino, a chi si butterebbe nel burrone per noi.

Non riusciamo a capire, o a vedere, che l’unico valore che ci porteremo dietro alla nostra morte sarà lo splendore dei nostri affetti. Il denaro morirà con noi. L’unica forma di ricchezza che ci sopravvivrà sarà l’intensità dei legami che abbiamo  costruito.

Ora non voglio fare il virologo o l’esperto di psicosi di massa, quel che mi forse ho capito è che questo virus rischia di essere letale perché se ci si contagia in troppi, le strutture sanitarie non saranno sufficienti per curare tutti i casi gravi, che comunque saranno una minoranza.

Quindi ora non è il tempo di protestare contro i provvedimenti restrittivi, ma di accettare le situazioni. Tra un po’ passerà l’inferno e ci ritroveremo a rinascere come crisalidi da un bozzolo, e forse saremo in grado di dare più importanza alle relazioni con gli altri, ed alla sfera dei nostri affetti.

Vediamo, o cerchiamo di vedere, il lato positivo anche in una brutta situazione come quella in cui siamo.


Visualizzazioni: 660
Altre Pagine sull'argomento
    AMOR VINCIT OMNIA
    Siamo entrati nella settimana santa, ovvero nel periodi più sacro dell’anno secondo la religione Cristiana
    Siamo entrati nella settimana santa, ovvero nel periodi più sacro dell’anno secondo la religione Cristiana. Ma non ci saranno messe pasquali, e neppure tutte le altre celebrazioni che i cristiani f...
    Pubblicata il:07/04/2020
    Carlo Taormina denuncia il primo Ministro Conte per Epidemia colposa ed omicidio plurimo.
    Depositata alla procura di Roma negli scorsi giorni, la denuncia ha raccolto più di un milione di firme di sostegno.
    Depositata alla procura di Roma negli scorsi giorni, la denuncia ha raccolto più di un milione di firme di sostegno.
    Pubblicata il:08/04/2020
    Cynar, aperitivo a base di carciofo, anti stress da coronavirus
    qualche considerazione sul modo con cui i social parlano del coronavirus
    Da quando c’è il #coronavirus l’interazione con i post di Facebook è schizzata in alto. L’evidenza è che c’è una fortissima preoccupazione tra la gente e che ci sono voci ed idee diverse su quello ...
    Pubblicata il:27/02/2020
    Forse un mattino andando
    Credere nei propri valori e difenderli dal nulla che avanza
    Io credo nei valori, credo nella Famiglia, nel matrimonio, nell’amicizia, credo nella lealtà, nella generosità nella umiltà, ci credo a tal punto che penso che si possa anche morire pur di mantener...
    Pubblicata il:05/10/2019
    I piccoli paesi
    Ciò che la narrazione contemporanea ha distrutto non è il piccolo paese ma la vicinanza tra le persone.
    Tanto tanto tempo fa, esistevano i piccoli paesi. Non erano tanto le dimensioni del centro abitato a farli piccoli, quanto il fatto che le persone si sentivano vicine le une alle altre.
    Pubblicata il:12/10/2019
    La task force governativa anti fake news, in neo lingua significa la fine della libertà
    Equivale ad istituire il ministero della verità e ad abolire la libertà di pensiero e di espressione
    In questi giorni ho riletto 1984 di GEOGE ORWELL. Le somiglianze con il tempo presente sono tante e sono inquietanti. Sono nel nostro modo di intendere politica e potere, sono nel nostro modi di pe...
    Pubblicata il:06/04/2020
    Non preoccupatevi perché Tanto il corona virus uccide solo i vecchi
    se siete vecchi chissene frega, parassiti!
    se siete vecchi chissene frega, parassiti! È una sorta li leitmotiv che in questi giorni ricorre in Televisione e sui giornali. Non so voi, ma io rimango indignato nel sentire i politici governativ...
    Pubblicata il:25/02/2020
    Qualche riflessione sulla epidemia di Corona Virus a Piacenza
    La Domenica delle Salme
    In emergenza capita che i numeri vengano rilevati in modo errato, come è successo in questo periodo. I tamponi per verificare la positività delle persone sono stati fatti un tanto al chilo, ed anch...
    Pubblicata il:06/04/2020
    Un Selfie con la Mascherina
    Così la smetteranno di guardarmi in cagnesco
    Finalmente ho trovato una mascherina in farmacia. Finalmente posso farmi un selfie con la faccia paludata, cosa che sinceramente mi mancava.
    Pubblicata il:06/04/2020
© Tutti i diritti sono riservati
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
- A +