giovedì 14 novembre 2019

Ieri a Firenze c’era la polizia.

Il corteo di poeti per le vie del centro di Firenze aveva bisogno di una scorta

Ieri a Firenze c’era la polizia.

Il corteo dei poeti che si è mosso da piazza Santa Maria Novella a Piazza Santa Croce, passando come un serpente ebbro, per la vie del centro della città di dante, è stato scortato da polizia e vigili urbani.

Davanti a noi un’auto dei vigili urbani e a chiudere il corteo un’auto della polizia, con un trio di agenti a piedi pronti ad intervenire.

Io, ancorché munito di un bastone da passeggio rosso, comprato per quattro euro il giorno prima dai cinesi di via Calciati, sono finito nelle retrovie del corteo molto presto, ma ero vestito di Blu come gli altri, ed avevo un cappellino altrettanto blu con scritto in cima FIRENZE, comprato in una bancarella prima che il corteo partisse e che conserverò come un cimelio. Ero dunque ben riconoscibile come il fanalino di coda che sta dietro l'ultima carrozza del treno, e mi compiacevo nel guardare chi mi stava innanzi e nel pensare ad un treno merci, lungo, lungo, lungo, che avanza lentamente sui binari di linee semi dismesse, senza la pretesa di arrivare velocemente alla sua meta, e che anzi, ad ogni stazione perde pezzi e ne aggiunge di nuovi, senza che mai la sua meta sia raggiunta perché non esiste. 

Un paio di volte sono stato superato dalla retroguardia della polizia, ed altrettante volte Massimo Silvotti, che era a capo del corteo, lo ha fermato per aspettarmi.

All’altezza di piazza della Signoria, il dolore alle dita del piede e all'anca sinistra era talmente forte che sono stato tentato di salire sull'auto della polizia che ci scortava, per proseguire così, ma ho stretto i denti sono riuscito, alla fine, a raggiungere il monumento a Dante Alighieri da parte a Santa Croce!

Mi chiedevo se la Polizia ci scortasse per difenderci o per difendere la gente da noi. Il corteo procedeva e, man mano, erano sempre di più quelli che si soffermavano ad osservare e a fotografare quel reptante blu, nel quale, come le squame della pelle di un serpente, venivano mostrati cartelli blu riempiti di poesie.

La poesia è rivoluzionaria. Si rassegni chiunque pensi che, in un momento storico nel quale è impossibile leggere, decodificare e capire quello che succede, la parola poetica non sia ciò che spariglia il gioco, ciò che fa riflettere l’uomo, ciò che è in grado di mostrare a tutti lo scempio che la nostra umanità sta subendo.

La poesia è politica in senso alto, è un argine alla disumanizzazione dei valori, è una stilla di speranza immessa come un virus nel sistema.

Cos’abbiano pensato quei poliziotti di scorta quando, sotto il monumento di Dante Alighieri, i poeti hanno cominciato a declamare poesie, ovvero hanno sfoderato le loro armi, è una cosa che vorrei conoscere. Cosa hanno pensato di fronte alla telefonata di Guido Oldani? o della figlia di Alda Merini? cosa hanno sentito e cosa hanno visto di quello sbocciare di una nuova, vera, sincera, solida, inconfutabile, nuova ideologia.

Ieri a Firenze Massimo Silvotti ha inequivocabilmente scritto una pagina di storia, esserci per me era indispensabile, partecipare ed arrivare fino in fondo era irrinunciabile.

Ringrazio il cielo che mi ha fatto incrociare la mia strada con quella di un personaggio così eccezionalmente capace di catalizzare attorno a se l’eccellenza del mondo letterario contemporaneo, e coinvolgerlo in una avventura magica, così come è magica la poesia.

Oggi sono imbottito di antidolorifici per placare il male all’anca che durerà giorni, tra poco uscirò per andare a tifare Piacenza, ed al colmo, urlare sugli spalti dello stadio: “VIVA LA POESIA!”


Visualizzazioni: 187
Altre Pagine sull'argomento
  • Comizio di Stefano Torre sulla Poesia a Cortemaggiore
    Stefano Torre fa a pezzi un libro di poesie di Massimo Silvotti e invoca la necessità che l’uomo produca denaro
    [Comunicato Stampa] 11 agosto ventidiciannove Comizio di Stefano Torre sulla Poesia Ieri a Cortemaggiore Stefano Torre fa a pezzi un libro di poesie di Massimo Silvotti e invoca la necessità che l’...
    Pubblicata il:11/08/2019
  • Essere NESSUNO, a Ravenna alla la tomba di Dante
    Il nove novembre del ventidiciannove, con altri guerrieri impavidi sono stato alla tomba di Dante Alighieri.
    Il nove novembre del ventidiciannove, con altri guerrieri impavidi sono stato alla tomba di Dante Alighieri. Andare in pellegrinaggio nei panni di un Nessuno. Non generale o capo popolo, non più io...
    Pubblicata il:11/11/2019
  • Forse un mattino andando
    Credere nei propri valori e difenderli dal nulla che avanza
    Io credo nei valori, credo nella Famiglia, nel matrimonio, nell’amicizia, credo nella lealtà, nella generosità nella umiltà, ci credo a tal punto che penso che si possa anche morire pur di mantener...
    Pubblicata il:05/10/2019
  • Il Piccolo Museo della Poesia che rischia di chiudere
    la carenza di fondi rischia di far perdere a Piacenza l'ennesima occasione
    Il piccolo museo della poesia di Piacenza rischia la chiusura per mancanza di fondi. Lo denuncia a gran voce il direttor Massimo Silvotti, che se da un lato pare scoraggiato, dall’altro pare animat...
    Pubblicata il:02/08/2019
  • Lettera aperta a mio Figlio
    tra i momenti belli della vita, quello della laurea di tuo figlio è particolare poichè è simile a quello nel quale gli uccelli spiccano il primo volo.
    Ieri mio figlio Marcello si è laureato, ha preso un bel 110 e lode ed una stretta di mano da parte della commissione d’esame. Noi c’eravamo tutti, come se fossimo una famiglia ricostruita e felice.
    Pubblicata il:20/09/2019
  • Mi chiedo se sia il Tramonto, oppure sia l’Alba
    Certi dubbi non li aveva nemmeno Amleto, che pure di dubbi se ne intendeva.
    Certi dubbi non li aveva nemmeno Amleto, che pure di dubbi se ne intendeva. Ma in questo momento io sono il Principe di Danimarca! Non so dire se sia la fine oppure un inizio, oppure le due cose as...
    Pubblicata il:03/10/2019
  • Parliamo di futuro
    La Fantascienza barriera attiva contro il Nichilismo
    Quando mi hanno chiesto di presenziare alla consegna del premio letterario Senigalatticca, dedicato alla letteratura fantascientifica, mi sono posto il problema di cosa dire, ed ho provato a stende...
    Pubblicata il:11/09/2019
  • Perché domani andrò a Firenze alla marcia dei poeti
    La marcia dei poeti a Firenze è a sostegno del piccolo museo della poesia, incolmabili fenditure, che rischia di chiudere.
    L’incolmabile fenditura tra parola e realtà, tra parola e verità, è diventata una voragine, ed a noi, uomini che hanno vissuto tra passato e futuro, che hanno visto il mondo cambiare da società rur...
    Pubblicata il:13/09/2019
  • Ragazzi mi fa male il mondo
    Rubo qualcosa a Gaber, ma ormai rubare è legalizzato
    Voglio vivere in una città in cui, all’ora dell’aperitivo, non ci siano spargimenti di sangue, o di detersivo. E poi voglio vivere in una città nella quale siano stranieri quelli di Gossolengo, o d...
    Pubblicata il:10/10/2019
  • Sabato a Ravenna ci sarà la Marcia dei Poeti
    Dal mausoleo di Teodorico alla Tomba di Dante per manifestare a favore del Piccolo Museo della Poesia
    Dal mausoleo di Teodorico alla Tomba di Dante per manifestare a favore del Piccolo Museo della Poesia, Andare a Ravenna a MANIFESTARE sotto la tomba di DANTE ALIGHIERI, a favore della POESIA, è un ...
    Pubblicata il:04/11/2019
© Tutti i diritti sono riservati
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
- A +