giovedì 1 ottobre 2020
  • » Poesie
  • » Tania di Malta da Lampedusa

Tania di Malta da Lampedusa

Ho conosciuto Talia, che l'error flagella e ride

Tania di Malta da Lampedusa

Quel che rimane da un anno molto amaro per più versi, è la scoperta di una amicizia nuova e splendente come quella che può nascere tra due poeti.

Tania di Malta me la ha affiancata Guido Oldani per condurmi entro una dimensione poetica nuova, ovvero quella del Realismo Terminale, che utilizza un linguaggio a me non consueto, e che è probabilmente l’unica dimensione poetica ad avere un senso nel presente.

La ho conosciuta a Firenze, e la ho rivista a Ravenna, ed in entrambi i luoghi abbiamo percorso lunghi tratti a braccetto, io per farmi sostenere e lei, così mi dice, per indagare quell’uomo che le pareva potesse essere l’incarnazione del realismo terminale.

Un prodromo di oltre uomo, un catafalco che sta in piedi grazie ad una serie di ammennicoli elettronici impiantati qua e là come un ciliegio innestato sopra un ulivo.

Frutto rosso e parvenza di eternità.

Ma anche un poeta, uno di quelli buoni, da mettere in sesto d’accordo, ma con immagini incredibili nella sua mente, tanta sostanza, alla quale dare forma.

E così mi ha liberato dal barocco, quel gusto piacentino per i cavalloni con la muscolatura in evidenza e le forme tonde.

Ma soprattutto nel suo dirmi un poeta di quelli buoni ha acceso una scintilla che non sapevo più di avere.

IL SALVAGENTE

La Poesia, inutile girarci attorno, negli ultimi mesi è stata il legno al quale mi sono aggrappato per non affogare, e devo in grande parte a Tania, l’avermi insegnato a rimanere aggrappato ad un pezzo di legno, senza addormentarmi mai.

Perché addormentarsi in mezzo al mare può essere fatale, e chi fa naufragio di solito annega perché si addormenta.

E così, oltre a togliere l’ornato dal mio stile, facendolo divenire lineare, ho anche imparato a stare desto, non che ci riesca sempre, ma almeno cerco di non fare addormentare la ragione.

GLI OCCHI DELLA RAGIONE

Vedere le cose con gli occhi della ragione aiuta a non cadere nei tranelli che ti riserva il cuore. Non che il cuore sbagli, anzi, proprio perché non sbaglia mai, è quel pertugio verso l’anima che il demonio usa per infiltrarsi e farti fesso.

Venite pure a sciorinarmi la vostra morale, ad evidenziare il marcio che io sono, non riuscirete però a distogliermi dal questo desiderio che ora sento di immensità, di infinito, di eternità.

Ed è quell’infinito che io vado cercando nella poesia, poiché, desiderio dopo desiderio, sono arrivato a dimenticare quel che mi piace, quel che mi da gioia.

DESIDERARE L’INFINITO

E’ come il salire una scala, ad ogni desiderio raggiunto ne formuli uno più alto, fin tanto che la scala finisce e nulla di quello che puoi ricordare o immaginare ti soddisfa, non può soddisfarti più.

La vita diventa un desiderio di eternità, la gioia la scopri facendo le cose, in una lotta quotidiana contro il nulla, e nel mentre che vivi scopri il piacere delle cose piccole che sono la chiave per aprire la porta dell’immensità.

Il piacere che mi dà la poesia, piccola cosa, è indiscutibilmente grande, ed a tratti mi dà la sensazione di essere un preludio all’infinito.

LA VERITÀ E LA MENZOGNA

Mario Luzi diceva che nella poesia sta il tentativo di colmare quella fenditura che sta tra la parola e la verità.

Ed il mio desiderio di verità viene placato dalla poesia.

Il resto è involto dall’oblio nella sua notte, ed alla fine rimarrà memoria di molto poco, e non sarà certo una menzogna che potrà sopravvivere al tempo.

TALIA

 Ho conosciuto Talia
Che flagella l’errore e ride

Nel talamo di Apollo
Generò gli inventori del tamburo

A Lampedusa il Sole cuoce l’uva
Per fare il vino pieno e vero
Del sapore della terra

Ti inebria come il ritmo sincopato
Della danza

In un ospedale della terra di Fellini
Dà l’estrema unzione a un prete

Mentre la luce la trafigge
Come una lancia calata dal cielo

Per elargire poesia
A mani basse
E far nascere poeti.

(La distanza dalle stelle, 13.7.2020)

E Bon!


Visualizzazioni: 247
Altre Pagine sull'argomento
    La Distanza dalle Stelle
    ovvero il mio approdo al Realismo Terminale
    Poco per volta sto entrando nel REALISMO TERMINALE, ovvero quella corrente letteraria ed artistica, che vede Guido Oldani mossiere e protagonista, e che assegna agli oggetti il primato sulla cose n...
    Pubblicata il:18/04/2020
    MENDICANDO LA GRAZIA DI SAPER AMARE
    Della differenza tra amare e voler bene e del Piccolo Principe
    Se vuoi davvero farti del bene, interrogati non sul passato o sul futuro, ma esplora il tuo presente.
    Pubblicata il:22/09/2020
    OLIMPIA
    Le colonne sono sbarre fossili Come le conchiglie impastate dentro
    Quel che più colpisce della moderna Olimpia, è il budello commerciale, nel quale le bandiere dei diversi paesi del mondo sono esposte, attaccate ai lampioni della via, ed i negozi vendono souvenir ...
    Pubblicata il:25/09/2020
    Realismo Terminale
    Le parole sono armi bianche, i versi del poeta, siccome arrivano al cuore bypassando a piè pari la razionalità, sono capaci di bucare le menti come proiettili di uranio impoverito, che sfondano la ...
    Pubblicata il:01/06/2020
    RICORDARE E DESIDERARE
    I due più forti motori dell’animo umano, che poco alla vota involvono nel nulla cui tende la società contemporanea.
    Il desiderio, che nella sua etimologia è la somma dei termini latini de e siderio, significa letteralmente: dalle stelle, è il principale motore dell’evoluzione umana poiché produce una tensione co...
    Pubblicata il:16/07/2020
© Tutti i diritti sono riservati
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
- A +