martedì 7 dicembre 2021

Senza Piangere

omaggio Realista Terminale a Franco Loi

Senza Piangere

SEINŚA CRIDÄ

 Al giass al végna śù dal ciél

Al pär gièrra slé c'la casca in sal mé vidur
C'al sa trida cmé la cipria

Gh'é mia pò un Signur da pregä
Di campan chi sönan quand al ciél al végna scür
Par fä a toch ill nüal
Tant cmé si fissan dill siśur chi täian un tabar

Incö summ da par mé
La timpesta l'é un sgiafon in sla fassia
Seinśa pudi cridä
Ma summ in feisbuch
È i laich I bastan par viv

(Stefano Torre, 21.1.2021)

 

 

SENZA PIANGERE

Il ghiaccio viene giù dal cielo
Sembra ghiaia gelata che cade sul mio vigneto
Che si trita come cipria

Non c’è più un dio da pregare
O delle campane che suonano quando il cielo di fa scuro
Per fare a pezzi le nuvole
Come fossero delle forbici che tagliano un mantello

Oggi sono da solo
E la grandine è uno schiaffo sulla faccia
Senza poter piangere
Ma sono su Facebook
E i like bastano per vivere

 

(Stefano Torre, 21.1.2021)


Visualizzazioni: 341
© Tutti i diritti sono riservati
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
- A +