domenica 16 giugno 2019
  • » Opinioni
  • » Sempre caro mi fu questo ermo Colle

Sempre caro mi fu questo ermo Colle

qualche considerazione sull'infinito di Giacomo Leopardi

Ci sono due momenti narrativi nell’Infinito di Leopardi.

Il primo è dominato dall’idea di infinito, incorporea, irreale, che non appartiene alla dimensione umana seppur dall’uomo concepita. Si tratta di dimensione della paura, dell’ignoto, del sovrumano.

Il secondo momento che sfocia nell’ultimo stupendo ed ineguagliabile verso con il pensiero che dolcemente naufraga nel mare, è una dimensione nella quale domina la realtà e, verso dopo verso, la paura muta in tenerezza, affetto, dolcezza, semplicemente comparando il sovrumano all'umano, riprendendo la dimensione del tempo che passa stagione dopo stagione.

L’uomo è cosa ben diversa dall'eternità, ma che la eternità può concepire, in un pensare immenso che porta all'infinito, là dove i libri di matematica fluttuano nell'aria come testi di filosofia incomprensibile ai non iniziati.


Visualizzazioni: 30
© Tutti i diritti sono riservati
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
- A +